CANTIERE > COPERTURE

Scalini posapiede in copertura (UNI EN 516).

16 November 15

DESCRIZIONE:

Gli scalini posapiede sono installazioni utilizzate per lavori in copertura, consentono di ripartire e sostenere il carico in maniera uniforme permettendo ad un operatore di stare in piedi o camminare in sicurezza.

CARATTERISTICHE:

La norma UNI EN 516 prescrive che la piattaforma degli scalini deve avere una dimensione minima di cm.13x13. La piattaforma deve avere sui due fianchi laterali un listello o bordo rialzato non inferiore a 2 cm., per impedire lo scivolamento dell’operatore, e deve altresì essere dotata di maniglia o fori di presa. Sono inoltre classificati in Classe 1 (installazioni che non possono essere usate quali punti di ancoraggio per DPI anticaduta) o Classe 2 (installazioni che possono essere usate quali punti di ancoraggio per DPI anticaduta).

IMPIEGO:

Gli scalini posapiede consentono al lavoratore di transitare in sicurezza sulla copertura per effettuare le manutenzioni oppure di raggiungere il punto oggetto di manutenzione a partire dal punto di accesso; possono essere utilizzati per superare sbalzi, o fragilità della copertura stessa o dislivelli di quota.

Secondo la UNI EN 516 è consentita una inclinazione massima della piattaforma dello scalino di 3° in ogni direzione.

SPECIFICITÀ:

Devono essere individuate le modalità di installazione.

CRITICITÀ:

I dispositivi UNI EN 516 (scalini posapiede) necessitano di una struttura portante idonea non solo alla loro installazione ma anche al carico di esercizio.
Inoltre per quelli di classe 2 bisogna tener conto anche:

-del carico aggiuntivo trasmesso alla struttura in caso di caduta dell’operatore

-dell’eventuale effetto pendolo

-del tirante d’aria libero.

ALTERNATIVE:

*Linee vita

*Dispositivi di ancoraggio puntali

*Andatoie e passerelle

*Piani di camminamento

*Sistemi  provvisori di reti di sicurezza e/o parapetti.

ISPEZIONI:

Le verifiche dovranno valutare la conformità dell’installazione secondo le prescrizioni del fabbricante, la presenza di elementi o sistemi a marchio CE, l’integrità di ogni singolo componente prima e dopo il suo uso e dopo un lungo periodo di inutilizzo. Revisioni periodiche per verificare la resistenza del sistema di ancoraggio. Annotazioni a cura del proprietario nel manuale d’uso facente parte dell’elaborato tecnico della copertura.

SISTEMI E PROCEDURE COMPLEMENTARI:

Predisposizione di opportuni DPC

Norme di riferimento:

UNI EN 516 Accessori prefabbricati per coperture 

ISPESL Linea guida per la scelta, l’uso e la manutenzione dei sistemi collettivi di protezione dei bordi. Novembre 2006

 

Potrebbero interessarti anche:

PRODOTTI, SISTEMI E DPI: NORMATIVA TECNICA - DIRETTIVE EUROPEE - MARCATURA CE.

 

PIANI DI CAMMINAMENTO IN COPERTURA (UNI EN 516).

 

COLLAUDO STATICO DISPOSITIVI ANTICADUTA, LINEE VITA E PARAPETTI (FAQ).

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

 

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

 

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

 

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

Foto di copertina copyright coperturasicura.toscana.it

Testo a cura di: Regione Toscana, D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale, Settore Prevenzione Igiene e Sicurezza sui luoghi di lavoro, che ne coordina l'attività (ing. Irene Chirizzi), affidata agli operatori dell'Azienda USL10 (coordinati da dr. Maurizio Baldacci) di Firenze per il sistema editoriale, all'. Arch. Roberto Angioni e Arch. Ilaria Saratti per conto della Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto per la parte dei contenuti, previa validazione da parte della Regione Toscana coadiuvata da ASL3 (ing. Massimo Selmi), ASL5 (ing. Andrea Cini), ASL7 (dr Rolando Giomarelli) e ASL10 (ing. Alessandro Matteucci).

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: COPERTURA UNI SCALINO POSAPIEDE CE