e61d87a24feca7ef035dd90163a84301
:: di

Con la pubblicazione del Decreto Dirigenziale 22 settembre 2015 emanato dal Ministero del Lavoro, viene allegato l’elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche.

L’art. 71 “Obblighi del Datore di Lavoro” prevede al comma 11 l’obbligo per il Datore di Lavoro di effettuare verifiche periodiche così come stabilito dall’Allegato VII del D.Lgs. 81/2008, avvalendosi dell’INAIL tramite richiesta scritta e superati i 45 giorni dal deposito di quest’ultima senza che INAIL abbia provveduto, il Datore di Lavoro può rivolgersi a soggetti pubblici e/o privati abilitati:

“Oltre a quanto previsto dal comma 8, il datore di lavoro sottopone le attrezzature di lavoro riportate nell’ALLEGATO VII a verifiche periodiche volte a valutarne l’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo ALLEGATO. Per la prima verifica il datore di lavoro si avvale dell’INAIL, che vi provvede nel termine di quarantacinque giorni dalla richiesta65. Una volta decorso inutilmente il termine di quarantacinque giorni sopra indicato, il datore di lavoro può avvalersi, a propria scelta, di altri soggetti pubblici o privati abilitati secondo le modalità di cui al comma 13. Le successive verifiche sono effettuate su libera scelta del datore di lavoro dalle ASL o, ove ciò sia previsto con legge regionale, dall’ARPA, o da soggetti pubblici o privati abilitati che vi provvedono secondo le modalità di cui al comma 13. Per l’effettuazione delle verifiche l’INAIL può avvalersi del supporto di soggetti pubblici o privati abilitati. I verbali redatti all’esito delle verifiche di cui al presente comma devono essere conservati e tenuti a disposizione dell’organo di vigilanza. Le verifiche di cui al presente comma sono effettuate a titolo oneroso e le spese per la loro effettuazione sono poste a carico del datore di lavoro.”

Nel caso in cui il Datore di Lavoro non ottemperi a quanto previsto sopra, la sanzione amministrativa pecuniaria prevista va da € 548,00 a € 1.972,80.

Il testo integrale del DECRETO DIRIGENZIALE 22 settembre 2015 è disponibile nell'area download dell'articolo.

RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI – E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Foto copertina copyright cantierepro.it

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica