887ed4eb4898c5b6141708cfade7ad27

Cosa accade in cantiere con l’accesso di soggetti “terzi”?. Riportiamo l’interpello pubblicato dalla Regione Toscana unitamente alla Direzione Regionale del Lavoro della Toscana, relativo alla richiesta di chiarimenti in merito alla presenza di soggetti “estranei” che potrebbero andare ad operare in cantiere come:

* addetti alla contabilità esterni operanti per singola impresa;

* professionisti operanti per conto del Committente;

* verifiche ed operatività per allacciamenti reti pubbliche;

* professionisti specifici in ambito archeologico.

Quali verifiche preliminari e indicazione nella documentazione di Progetto (Piano di Sicurezza e Coordinamento) e quali dati devono essere inseriti in notifica preliminare?.

La risposta suddivide intanto le operatività dei soggetti richiamati, tra prestazioni di tipo intellettuale e prestazioni non di natura meramente intellettuale.

Per i primi (es. addetti contabilità), il Coordinatore per la Sicurezza dovrà prendere in considerazione la loro presenza nel P.S.C. ed analizzarne i possibili rischi in base alle lavorazioni presenti, gestendone la loro sicurezza anche tramite idonea informazione.

Per i secondi (es. addetti reti pubbliche-archeologi) vista la loro effettiva operatività all’interno del cantiere, dovranno essere gestiti come Imprese Esecutrici inserendoli all’interno del P.S.C. e della Notifica Preliminare, con l’attenzione nel suddividerne la natura tra “Impresa” o “Lavoratore Autonomo”.

Nel download il testo integrale dell’Interpello e relativa risposta.

Potrebbero interessarti anche:

VOLONTARI, INQUADRAMENTO E DVR.

INTERPELLO: VALIDITÀ CORSI E-LEARNING PER ADDETTI PRIMO SOCCORSO

INTERPELLO 03/2015: OBBLIGO REDAZIONE POS ED ALLEGATI PER IMPRESA FAMILIARE.

F.to Redazione Tecnica ©

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica