:: di

Sono di seguito descritte le caratteristiche di sicurezza che la troncatrice deve possedere, individuate sulla base di quanto previsto dalla norma tecnica UNI EN ISO 19432:2008 “Troncatrici
a disco portatili con motore a scoppio – Requisiti di sicurezza e prove”.

PROTEZIONE DEL DISCO

Le troncatrici portatili devono essere dotate di una protezione fissa (riparo) del disco che copra almeno la metà del disco, per la cui rimozione sia necessario l’utilizzo di un utensile. Il riparo è destinato a prevenire il rischio di tagli/abrasioni all’operatore per effetto della mola, ma anche a contenere le proiezioni di scintille o schegge/detriti o eventuali frammenti del disco danneggiato: infatti esso è realizzato con materiale ad alta resistenza meccanica, in grado di sopportare queste sollecitazioni.

In genere, il riparo del disco è orientabile tramite l’apposita maniglia e bloccabile in posizione di lavoro, per poter assolvere alla propria funzione in base alla postura che l’operatore deve assumere per eseguire il taglio.


PROTEZIONE DELLE IMPUGNATURE

Le impugnature devono essere in grado di fornire una buona aderenza per una presa sicura pertanto, in genere, sono rivestite con materiale antiscivolo. Le impugnature sono inoltre dotate di giunti antivibrazioni, in grado di ridurre al minimo le vibrazioni meccaniche trasmesse dal motore e dalla rotazione del disco alle mani dell’operatore durante le operazioni di taglio.

I giunti antivibrazioni sono realizzati in modo da consentire all’operatore il sicuro controllo della troncatrice, anche nel caso in cui siano danneggiati.

PROTEZIONE DEI COMANDI

Arresto del motore

Il comando di arresto del motore, che consente di fermare completamente la macchina, non deve essere del tipo “ad azione mantenuta” e deve poter essere azionato dall’operatore che indossa i guanti protettivi.

Acceleratore

L’attuatore del comando di accelerazione è un tirante in grado di aumentare il numero di giri del motore fino ad innestare la frizione e muovere l’organo di taglio. Il comando dell’acceleratore, chiamato anche più semplicemente “grilletto”, è del tipo ad azione mantenuta e deve poter essere premuto con una mano che calza il guanto di protezione e che afferra l’impugnatura.

Blocco del comando dell’acceleratore

La troncatrice a disco deve essere dotata di un dispositivo di “blocco del comando dell’acceleratore”; in genere, tale blocco è costituito da un pulsante “a uomo presente” che, se rilasciato, impedisce l’attivazione dell’acceleratore e interrompe automaticamente l’energia motrice.

Questo pulsante, in genere, si trova sulla parte superiore dell’impugnatura sulla quale è collocato l’acceleratore e, durante l’attività di taglio, è mantenuto attivo/premuto dalla mano dell’operatore.

Frizione

La troncatrice a disco deve essere dotata di una frizione che non permette l’avvio del disco da taglio finché la velocità di rotazione del motore rimane sotto la soglia di 1,25 volte il regime minimo.
Il corretto funzionamento della frizione dipende anche dall’adeguato “tensionamento” della cinghia trapezoidale di trasmissione, che deve essere eseguito tramite il relativo “dispositivo tendicinghia” regolabile con una chiave.

PROTEZIONI DEL MOTORE

Le parti in movimento, come ad esempio gli organi di trasmissione e le parti calde, come la marmitta, che potrebbero essere soggette ad un contatto involontario durante l’uso della macchina, devono essere protette. Gli organi di trasmissione devono essere protetti con ripari fissi rimovibili solo mediante l’uso di attrezzi o chiavi.
L’uscita del gas di scarico del motore a combustione interna deve essere diretta lontano dall’operatore nella normale posizione di lavoro. La riduzione della rumorosità del motore è ottenuta con l’incorporamento di un silenziatore (marmitta) nel tubo di scarico. Le parti in tensione del circuito, come ad esempio i terminali delle candele, sono collocate e/o isolate in modo che l’operatore non possa accidentalmente entrarne in contatto.

 

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica