5ccc1fbad6554e296757a8050433b376
:: di

I cantieri archeologici rappresentano una particolarità nell’ambito dell’esecuzione di opere anche di natura edile. Segnaliamo la pubblicazione edita dall’Università La Sapienza di Roma – Ufficio Speciale Prevenzione e Protezione (Arch. Petrone, Geom. Chialastri, Ing. Ciotti, Arch. Mei, Ing. Rapiti) “LA SICUREZZA NEI CANTIERI ARCHEOLOGICI” (disponibile nell’area download); il documento ha il chiaro scopo di informare gli operatori che andranno ad intervenire su tale area di lavoro, dei rischi connessi unitamente al corretto utilizzo delle attrezzature.

Il mondo dell’edilizia può ramificarsi anche con situazioni particolari derivanti operatività diverse che operano nel medesimo ambiente. E’ il caso del settore archeologico e dei relativi cantieri che si attivano con molteplici lavorazioni parallele che vanno dalla ricerca archeologica al restauro dei manufatti rinvenuti.

Tra i rischi e relative precauzioni, oltre a quelli più “comuni” relativi ad investimento, sprofondamento, ecc… vengono evidenziati alcuni particolarmente affini allo stato dei luoghi tra cui il rischio punture di insetti e morso di serpenti velenosi oltre al rischio di esposizione a radiazioni solari.

      

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica