POS Impresa familiare
:: di

Sul tea POS Impresa familiare la commissione interpelli del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha risposto con interpello 03/2015 al quesito presentato dalla Federazione Nazionale UGL Sanità in merito alla corretta interpretazione dell’art. 96 del D.Lgs. 81/2008 per le l’obbligatorietà di redazione del POS Piano Operativo di Sicurezza e relativi contenuti minimi di cui all’allegato XV del D.Lgs. 81/2008.

La commissione all’interno dell’interpello premette che che l’art. 230 bis del Codice Civile prevede che:

salvo che sia configurabile un diverso rapporto, il familiare che presta in modo continuativo la sua attività di lavoro nella famiglia o nell’impresa familiare ha diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia e partecipa agli utili dell’impresa familiare ed ai beni acquistati con essi nonché agli incrementi dell’azienda, anche in ordine all’avvalimento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato…” e che quindi per la definizione dell’art. 96 del D.Lgs. 81/2008 “i datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere operi un’unica impresa, anche familiare con meno di dieci addetti… redigono il piano operativo di sicurezza di cui all’art. 89 comma 1 lettera h

SEI GIÀ REGISTRATO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI


SEI GIÀ REGISTRATO MA NON RICORDI LA PASSWORD?
RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


NON SEI REGISTRATO?
CREA IL TUO ACCOUNT

  • Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy e ACCONSENTO al trattamento dei miei dati per finalità di marketing. Cliccando "REGISTRATI" dichiaro di aver letto ed accettato i Termini d'uso. LEGGI I TERMINI D'USO

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica