b046fb9f002d2fa2811e4999bac9fc3d
:: di

Tramite la Determinazione n. 4 del 25 febbraio 2015 recante «Linee guida per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria»  l’ANAC aveva fornito indicazioni e chiarimenti in considerazione della peculiarità della disciplina di settore. Con l’adozione del D.Lgs. 50/2016 “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture” e, con l’abrogazione del DPR 207/2010, parte III, ad eccezione degli artt. 254, 255, 256 (che verranno abrogati con l’adozione di specifico Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – art. 24, comma 2) è giunta la necessità che la stessa ANAC provveda ad aggiornare/implementare nuove linee guida proprio per le Stazioni Appaltanti ed i Professionisti.

Proprio con questo intento ANAC ha realizzato un Documento di consultazione “Affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria” che vuole essere la base documentale per aprire la prima fase di confronto proprio nel mese di maggio, al fine di giungere nel più breve tempo possibile all’emanazione del documento conclusivo.

Al Capitolo III PRINCIPI GENERALI – Punto 4 CAUZIONE PROVVISORIA E COPERTURE ASSICURATIVE il Documento di Consultazione “Affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria”, indica come:

«{Omissis} la stazione appaltante, ai sensi dell’art. 93, comma 10, agli incaricati della redazione del piano di sicurezza e coordinamento e dei compiti di supporto al RUP può chiedere soltanto la prestazione di una copertura assicurativa per la responsabilità civile e professionale, per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività di competenza ma non anche la c.d. cauzione provvisoria. »

Tale indicazione è in linea con quanto già espresso dalla stessa ANAC con Determinazione n. 4 del 25 febbraio 2015 e successivi chiarimenti :

“Sempre sotto il profilo generale, si  ritiene utile rammentare che l’Autorità, con  determinazione n. 6/2007,, confermando quanto affermato dalla sentenza n. 1231  del 13 marzo 2007 del Consiglio di Stato (sezione V), ha chiarito che non può  essere richiesta alcuna cauzione per partecipare a una gara d’appalto per la redazione  della progettazione e del piano di scurezza e di coordinamento, né provvisoria, né definitiva, non essendo applicabile  per estensione la disciplina sulle garanzie prevista per i lavori. Pertanto, la stazione appaltante può chiedere al progettista soltanto la prestazione di una copertura assicurativa per la responsabilità civile e professionale, per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività di competenza, ex articolo 111 del Codice. In tal senso, si esprime anche il nuovo regolamento di attuazione del Codice agli articoli 268 e 269.”

Potrebbero interessarti anche:

Nuovo Codice degli Appalti – da ANAC Linea Guida sul RUP e sicurezza cantiere.

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE – E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica