:: di

Gli attuatori dei comandi in una PLE sono principalmente costituiti da leve, le quali a loro volta possono essere bidirezionali o multidirezionali (manipolatore/joy-stick). In genere i comandi a leva su postazione fissa sono i più diffusi e sono realizzati con leve a ritorno automatico che agiscono sulle valvole distributrici installate, di regola, sul basamento della PLE.

Le leve di comando devono essere protette contro un loro azionamento involontario: in genere questa protezione è realizzata con una perimetrazione rigida delle leve mediante riquadro in tondino di ferro. Tutti i comandi devono essere chiaramente contrassegnati con simboli ben visibili e, ad esclusione dell’arresto di emergenza, devono tornare automaticamente nella posizione neutra  quando rilasciati.

La postazione di comando a terra deve consentire all’operatore di controllare tutti i movimenti pericolosi, soprattutto per la postazione di azionamento degli stabilizzatori motorizzati che sporgono oltre la larghezza del telaio. Il tubo di scarico dei motori a combustione interna non deve essere diretto verso le postazioni di comando.

Tutti gli spostamenti della piattaforma devono poter avvenire solo con l’azionamento mantenuto dei comandi.

Protezione dei comandi

I comandi presenti sulla piattaforma, devono possedere un’adeguata protezione per impedirne l’azionamento involontario e per evitare danni alle mani dell’operatore durante il movimento della piattaforma in prossimità di strutture.

Nelle PLE di tipo 2 e 3 non deve essere possibile lo spostamento contemporaneamente a qualsiasi altro comando. I dispositivi di comando devono essere collocati sulla piattaforma di lavoro e possono essere anche presenti sul telaio (comandi doppi): i comandi sul telaio, quando presenti, devono comprendere quelli relativi alle operazioni di stabilizzazione e alle manovre di emergenza.

La norma UNI EN 280 definisce i movimenti che le piattaforme di lavoro elevabili possono fare, come indicato di seguito, e li schematizza come indicato nel disegno sopra.
I comandi principali della PLE sono relativi ai movimenti di:

  • Abbassamento tutte le operazioni per spostare la piattaforma ad un livello inferiore;
  • Sollevamento tutte le operazioni per spostare la piattaforma ad un livello superiore;
  • Rotazione movimento circolare della piattaforma di lavoro rispetto all’asse verticale;
  • Orientamento movimento circolare della struttura estensibile rispetto all’asse verticale;
  • Spostamento qualsiasi movimento del telaio con la piattaforma di lavoro in una posizione diversa da quella di trasporto.

SIMBOLI DEI COMANDI DELLA PLE

La norma UNI ISO 20381 riguarda i simboli per i comandi relativi alle piattaforme di lavoro mobili elevabili; alcuni di questi sono di seguito riportati.

COMANDI PARTICOLARI

Le caratteristiche dei comandi dipendono dalle particolari scelte costruttive del fabbricante e dalla tipologia di ponte sviluppabile; sono di seguito indicati i principali comandi per il funzionamento di una piattaforma di lavoro mobile elevabile.

Sollevamento/trasmissione/sterzo

Nelle PLE semoventi è di solito presente un commutatore (selettore) per selezionare alternativamente il funzionamento del gruppo di comando in modalità sollevamento (movimenti della piattaforma di lavoro) e in modalità di trasmissione (traslazione della macchina); in modalità trasmissione è anche attivo lo sterzo che è azionabile dalla manopola di comando stessa (ad esempio cloche).

Solitamente la stazione di comando sulla piattaforma di lavoro delle PLE semoventi è dotata di un interruttore (ad esempio a pedale) avente la funzione di attivatore, ossia di rendere attiva la stazione di comando stessa; se l’interruttore è a pedale, questo fornisce un metodo di arresto di emergenza quando l’operatore toglie il piede dal pedale.

Orientamento e rotazione

L’attivazione della funzionalità di rotazione/orientamento, sia del cestello sia della torretta rispetto al telaio fisso (orientamento) prevedono, in genere, il posizionamento preventivo, a destra o a sinistra, della chiave di interblocco a tre posizioni (con la posizione centrale neutra).

Velocità

Il comando di velocità consente di regolare la velocità della rotazione e dei “movimenti del braccio”; la regolazione avviene in genere tramite una manopola che può essere ruotata gradualmente
dalla velocità più bassa (in genere simboleggiata da una tartaruga o da una lumaca) alla velocità più elevata (in genere simboleggiata da una lepre).

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica