fb81f574593e669909d33bd4aac249d3

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con Lettera Circolare n. 16494 del 07/10/2015 introduce i primi chiarimenti in merito all’applicazione della maxisanzione relativa al lavoro nero di cui al D.Lgs. 151/2015.

Abbiamo già affrontato l’analisi di quest’ultimo Decreto Legislativo nell’articolo:

NOVITÀ PER COORDINATORE E DATORE DI LAVORO – IL T.U. 81/2008 MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO 151/2015.

La Circolare fornisce chiarimenti sul regime intertemporale che devono applicare:

-Direzioni Interregionali e Territoriali del Lavoro;

-INPS;

-INAIL;

inoltrata per opportuna conoscenza anche a:

Comando Carabinieri per la tutela del Lavoro;

Province Autonome di Trento e Bolzano;

Ispettorato Regionale del Lavoro di Palermo.

Dall’analisi del documento la Direzione Generale sottolinea come il D.Lgs. 151/2015 trovi applicazione per “gli illeciti commessi successivamente all’entrata in vigore (24.09.2015) dovendo applicare per le “condotte iniziate e cessate” prima di tale data, il regime sanzionatorio precedentemente in vigore, non applicando altresì la procedura di diffida di cui all’art. 22 del Decreto 151/2015.

Per tutte le condotte iniziate prima del 24.09.2015 e proseguite dopo tale data, trova applicazione la nuova disciplina compresa quindi la “procedura di diffida”.

AREA DOWNLOAD:

– D.Lgs. 151/2015 (Testo Integrale);

– Lettera Circolare n. 16494 (Testo Integrale).

ARTICOLO CORRELATO:

NOVITÀ PER COORDINATORE E DATORE DI LAVORO – IL T.U. 81/2008 MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO 151/2015.

RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI – E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Foto di copertina copyright cantierepro.it

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica