:: di

Analizziamo la Sentenza della Cassazione n. 33415/2020 in cui si analizza la mancata vigilanza del CSE su un cantiere oggetto di infortunio mortale. La Corte di Appello di Roma confermava la condanna inflitta in primo grado al DdL ed al CSE per omicidio colposo avendo posto in essere condizioni determinanti al decesso del lavoratore VF che precipitava mortalmente da una scala in costruzione, cadendo da un'altezza di circa 5 metri. 

Veniva contestata la mancata vigilanza del CSE per: 

  • le procedure previste nel PSC e non completamente attivate/rispettate nei lavori; 
  • negligenza sull'aggiornamento del PSC rispetto allo sviluppo dell'opera. 

RICORDO DEL COORDINATORE SICUREZZA 

Tralasciando i motivi del ricorso legati puramente ad un aspetto di normativa legale, il CSE ricorre con le seguenti motivazioni tecniche: 

  1. come da prove espletate il PSC non necessitava di un'ulteriore aggiornamento
  2. il CSE effettua un'alta vigilanza e non è obbligato alla vigilanza momento per momento del cantiere che spetta al Datore di Lavoro; 

DIRITTO 

NON SEI REGISTRATO
OPPURE
SEI REGISTRATO CON LEVEL FREE?
ACQUISTA IL TUO ACCOUNT LEVEL PRO



SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI

SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO MA NON RICORDI LA PASSWORD? RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


 

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica