:: di

La macchina tagliasfalto a disco rientra nella categoria delle macchine operatrici che la norma tecnica UNI EN 13862 (“Macchine per taglio di superfici piane orizzontali – Sicurezza”) definisce “macchina per taglio di superfici piane orizzontali” ed è utilizzata per il taglio di superfici di calcestruzzo, asfalto e altri materiali da costruzione di origine minerale. La tagliasfalto può essere del tipo:

  • con operatore a bordo;
  • con operatore a terra.

Andiamo a trattare le tagliasfalto con motore a combustione interna con operatore a terra. Il motore della tagliasfalto è montato su un telaio metallico ed è collegato, tramite un mandrino, all’utensile da taglio (disco); nell’uso della tagliasfalto, il disco esegue il taglio della superficie orizzontale (suolo) in relazione all’avanzamento della macchina che è guidata dall’operatore a piedi attraverso le impugnature collegate al telaio.

Esistono vari tipi di tagliasfalto che si differenziano principalmente in base alle modalità di traslazione, tra i quali:

  • le tagliasfalto con traslazione manuale, per effetto della spinta dell’operatore,
  • le tagliasfalto con traslazione meccanica, attivata da un apposito comando (volante o manovella).

ELEMENTI COSTITUENTI

I principali componenti della macchina tagliasfalto sono: il telaio, il motore, il sistema di alimentazione dell’acqua, il disco da taglio, il dispositivo di guida del taglio e i dispositivi di comando.

TELAIO

La struttura in acciaio su cui sono fissati i vari elementi della macchina è dotata di 4 ruote in gomma ad alta resistenza, che permettono lo spostamento della macchina. L’operatore a piedi manovra la tagliasfalto dalla parte posteriore della macchina, tramite le apposite impugnature e i vari dispositivi di comando collocati a distanza dalle parti calde.

Nel telaio della macchina sono inoltre saldati i punti di ancoraggio (ad esempio golfari) per il suo sollevamento nelle operazioni di carico/scarico sui mezzi di trasporto.

MOTORE

Il motore a combustione interna trasmette il moto per la rotazione del disco e, quando previsto, per il movimento di avanzamento della macchina. In genere il motore si avvia “a strappo”, tirando una fune dotata di impugnatura.

SISTEMA DI ALIMENTAZIONE DELL’ACQUA

Il sistema di alimentazione dell’acqua è composto dalla pompa, in genere elettrica e di tipo aspirante, che preleva l’acqua dal serbatoio e tramite un tubo in gomma, la convoglia fino alla protezione del disco per il raffreddamento del disco stesso.

Il sistema di alimentazione dell’acqua della tagliasfalto può essere escluso, rimuovendo il dispositivo (ad esempio cinghia) di trasmissione alla rispettiva pompa, per l’impiego di altri sistemi
con grandi serbatoi, che garantiscono l’erogazione continua di acqua per l’esecuzione di tagli di notevole lunghezza. L’erogazione dell’acqua è finalizzata non solo al raffreddamento del disco diamantato ma anche al suo lavaggio e all’abbattimento delle polveri che si generano durante il taglio.

DISCO DA TAGLIO

Il disco costituisce l’utensile di taglio della macchina e, insieme ai suoi dispositivi di aggancio e al gruppo propulsore, forma la cosiddetta testa di taglio. La testa di taglio può essere solidale al telaio della macchina o all’unità di trasmissione che determina l’avanzamento della macchina.

Il disco è fissato al mandrino che è collegato all’albero-motore tramite il mandrino ed è bloccato da apposite flange di ancoraggio (chiamate anche flangia e controflangia) poste sulle due facce del disco, in corrispondenza del suo foro centrale; il senso di serraggio delle flange è opposto a quello di rotazione del disco.

Il disco da taglio diamantato, deve avere caratteristiche adeguate al lavoro da svolgere, deve montato correttamente secondo le indicazioni del fabbricante e deve possedere la protezione (carter) contro il rischio di taglio e di proiezione di materiali. Il carter riporta la freccia indicante il senso di rotazione del disco.

Qualora previsto dal fabbricante, la macchina può montare più dischi da taglio sullo stesso mandrino, distanziati mediante l’interposizione di appositi elementi: tale configurazione consente di eseguire contemporaneamente due tagli paralleli, utili ad esempio per realizzare una scanalatura.

DISPOSITIVO DI GUIDA DEL TAGLIO

La tagliasfalto è dotata di un’asta che consente all’operatore di seguire la linea di taglio tracciata sul terreno in modo preciso, dando la possibilità all’operatore di correggere la direzione di traslazione. Tale dispositivo, in posizione di lavoro, viene appoggiato a terra nella parte anteriore della macchina attraverso la piccola ruota installata sulla sua estremità.

L’asta di guida del taglio è dotata di dispositivi di fissaggio al telaio della tagliasfalto nella posizione di trasporto.

Bibliografia: CPT Torino

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica