Lavoro su fune di tipo acrobatico
:: di

A differenza di un luogo comune che sta prendendo piede sempre più insistentemente, secondo cui è inutile installare un ponteggio, quando si può tranquillamente prevedere di realizzare un lavoro su fune di tipo acrobatico, si deve sottolineare come questa leggenda metropolitana si stia espandendo in modo inversamente proporzionale all’ormai consolidata giurisprudenza in materia di infortuni e obbligo normativo di partire da una previsione di utilizzo di Dispositivi di Protezione Collettiva DPC. C'è spazio lavorativo per lavori da effettuarsi su ponteggi e per opere in cui il rischio di montare e smontare un DPC è più alto rispetto all'uso di un insieme di DPI per lavorare su fune, queste due procedure non sono in contrapposizione, ma nemmeno l'una può escludere o escluderà a priori l'altra.

LE DIFFICOLTA' DI UN COORDINATORE

Mi trovo sempre più spesso a confrontarmi con clienti (anche di natura Pubblica) che hanno già la soluzione pronta prima ancora che io, quale Coordinatore Sicurezza, abbia non redatto il PSC ma addirittura acceso il computer per farlo.

La parola è una e una soltanto RISPARMIO, che si genera dall’evitare quell’infausta abitudine nella previsione e utilizzo di Dispositivi di Protezione Collettiva per opere in facciata o copertura; non posso esimermi dall’essere sarcastico e me ne scuso ma è l’unico modo di esorcizzare questo modo distorto di dare/acquisire informazioni.

Tralascerò volutamente in questo mio intervento l’obbligo normativo di prevedere un’adeguata analisi dei rischi e in seguito prendere la decisione più opportuna un merito alla mitigazione degli stessi, andando direttamente a valle del “problema”, richiamando elementi ufficiali forniti da Organismi Ispettivi e Suprema Corte di Cassazione, che non lasciano alcun dubbio su come procedere.

https://www.cantierepro.com/shop/le-responsabilita-in-cantiere-per-la-giurisprudenza-il-cantiere-edile-le-figure-coinvolte-bonamassa

RISPOSTA ISTITUZIONALE AI QUESITI

Nell’ampia gamma di risposte a quesiti da parte degli Organi Ispettivi preposti riportiamo quando indicato dalla Regione Toscana – Settore prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro (Dirigente Andrea Leto):

E' pervenuto allo scrivente settore un quesito riguardante questioni di "principio" per le quali si può effettuare un lavoro su fune. In pratica vengono chieste indicazioni su quali siano le modalità di valutazione per accettare o meno che un lavoro possa essere fatto su funi, tenuto conto in particolare degli art. 15, 111, 115, 116 del D.lgs. 81/08.

A tal proposito si sottolinea che la scelta delle misure di prevenzione deve essere indirizzata prevalentemente all’utilizzo di sistemi di protezione collettiva rispetto a quelli individuali ai sensidegli artt. 15 e 111 del D.lgs 81/08.

E’ a seguito di un' accurata e specifica valutazione dei rischi, che possono essere scelte altre modalità di esecuzione dei lavori, tenendo conto dei luoghi, delle lavorazioni, della tecnologia e delle attrezzature disponibili.

La valutazione dei rischi riferita allo specifico contesto lavorativo, deve evidenziare che l’impiego di una misura preventiva e protettiva considerata più sicura, non è giustificato a causa della breve durata di impiego e delle caratteristiche del sito

Si tenga presente che fattori economici non sono di per se elementi giustificativi. Prendendo come esempio un ponteggio è possibile che si verifichino situazioni nelle quali non è tecnicamente possibile l’installazione, o dove il montaggio per le sue caratteristiche, comporta un’esposizione al rischio maggiore rispetto al lavoro svolto su fune.

GIURISPRUDENZA

Per alcune tematiche del settore sicurezza sul lavoro si possono riscontrare anche delle Sentenze della Suprema Corte di Cassazione che appaiono contraddittorie ad una prima lettura e relativo sommario confronto.

Fortunatamente il tema in questione non è influenzato da questa contraddittorietà e il susseguirsi di pronunce della Suprema Corte non fa che confermare la lettura data dal sottoscritto sia come analisi normativa, avvalorata da risposte pubblicate dagli Organi preposti nel corso degli ultimi anni.

USO PRIORITARIO DEI DPC

A tale riguardo è bene richiamare la sentenza 47834/2016 la Cassazione Penale (Sez. 4) relativa ad un infortunio occorso in quota, andando ad affrontare la valutazione e l’uso di DPC (Dispositivi di Protezione Collettiva) in via prioritaria ai DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).

Oggetto della sentenza è stato un infortunio occorso ad un operaio di una Ditta (sub-appaltatrice) durante lavori in copertura; quest’ultima operava unitamente ad altri soggetti sub-appaltatori per conto della superiore impresa affidataria.

Il lavoratore subiva un infortunio a causa della caduta su un’apertura non protetta al piano di lavoro della copertura, mentre operava a ritroso durante la movimentazione del materiale.

La Corte di Appello condannando gli imputati ha affermato come debba essere data priorità alla valutazione, previsione e utilizzo di DPC e solo nell’eventualità che sia impossibile porli in opera di possa valutare un utilizzo di specifici, così come previsto nel D.Lgs. 81/2008 (art. 111) e nel PSC e POS.

La Cassazione in sentenza evidenzia come i giudici della Corte d’Appello hanno giustamente ribadito che la necessità di ricorrere a DPC in via prioritaria rispetto ai DPI sia prevista dal T.U. D.Lgs. 81/2008 e non sia opinione soggettiva di uno dei testimoni.

Quindi in sintesi dalla sentenza di estrapola l’uso dei DPC è prioritario rispetto all’utilizzo di DPI nell’ottica di diminuzione della valutazione del rischio effettuata e sono escludendo ogni tipologia di DPC per motivi ben evidenti e dettagliati, si può procedere a ridurre il rischio tramite specifici DPI.

La sentenza in questione esamina un caso in cui l’opera veniva seguita anche da un Coordinatore Sicurezza, vediamo quindi un altro caso in cui non veniva nominata questa figura, ma le ammonizioni erano rivolte al solo Datore di Lavoro ed alla produzione del DVR aziendale.

DVR INCONGRUO

Durante i lavori in quota relativi alla manutenzione impiantistica su un palo di legno, lo stesso cedeva alla base generando la caduta dell’operatore che si era posizionato su di esso per mezzo di DPI ed attrezzature atte a lavorare ed assicurarsi direttamente sulla struttura; la caduta avvenuta da un’altezza di 4/5 mt. generava sul lavoratore lesioni multiple.

SEI GIÀ REGISTRATO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI


SEI GIÀ REGISTRATO MA NON RICORDI LA PASSWORD?
RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


NON SEI REGISTRATO?
CREA IL TUO ACCOUNT

  • Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy e ACCONSENTO al trattamento dei miei dati per finalità di marketing. Cliccando "REGISTRATI" dichiaro di aver letto ed accettato i Termini d'uso. LEGGI I TERMINI D'USO

    ©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
    F.to Redazione Tecnica