:: di

Come progettare correttamente un lavoro in quota negli edifici danneggiati da sisma?. In caso di evento sismico di particolare rilievo come avvenuto purtroppo nelle località laziali/marchigiane di Amtrice ed Aquata del Tronto, superate le fasi del primo soccorso si attivano le verifiche agli immobili colpiti dal terremoto.

Queste verifiche avvengono tramite Tecnici (Pubblici e Privati) che nel corso degli anni hanno ottenuto abilitazione ad operare con il Protocollo AeDES e che operano con procedure definite alla verifica “visiva/speditiva” degli immobili colpiti dal terremoto, solitamente seguendo un ordine di servizio giornaliero che viene indicato dal COC.

Proponiamo di seguito quanto analizzato e tradotto in procedure dalla Regione Emilia Romagna a seguito dell’ultimo terremoto che ha colpito nel 2012 il centro/nord Italia, relativamente a:

MISURE DI SICUREZZA AMMESSE NEI LAVORI IN QUOTA SU COPERTURE E PARETI DI EDIFICI DANNEGGIATI DA EVENTI SISMICI

Le indicazioni contenute nel presente capitolo sono relative ai lavori in quota da realizzare su edifici, sia civili che industriali, che, a seguito degli eventi sismici, hanno riportato danni importanti (rif. Valutazione del danno eseguita con scheda Aedes o da progettisti strutturali – ndr.) con conseguenti significative riduzioni di resistenza e di rigidezza, per la riparazione dei quali non sono applicabili le procedure ordinarie di lavoro. I lavori sulle coperture di detti edifici pongono infatti problematiche di sicurezza specifiche ed aggiuntive rispetto ai tradizionali lavori in quota sui tetti in ragione delle seguenti caratteristiche:

  • Non pedonabilità della copertura.
  • Assenza, a priori, di punti di ancoraggio dei DPI anticaduta e impossibilità di predisposizione di misure di ripartizione dei carichi integrativi.
  • Precarietà delle strutture portanti di sostegno della copertura e delle pareti dell’edificio.
  • Rischio che il transito degli addetti ed i lavori stessi siano causa di crolli.
  • Carattere di urgenza delle lavorazioni da effettuare.

Allo scopo di favorire lo svolgimento delle attività (messa in sicurezza dei suddetti edifici e/o “demolizione controllata”) si forniscono le seguenti indicazioni di sicurezza che devono quindi garantire due principi:

  • gli addetti ai lavori devono operare con apprestamenti ed attrezzature indipendenti e separate dalla copertura;
  • devono essere assicurate adeguate distanze di rispetto dalle parti pericolanti dell’edificio.

https://www.cantierepro.com/shop/guida-pratico-giuridica-cse-parte-1-obblighi

Lavoro in quota negli edifici danneggiati  - PRIORITA' ALLE PLE

A fronte di questa situazione si impone una accurata valutazione mirata ad individuare i rischi e le misure e modalità di esecuzione in sicurezza dei lavori. La scelta delle misure deve prioritariamente essere ricompresa fra quelle tradizionalmente previste per i lavori in quota e conseguentemente, stante i vincoli del rispetto dei principi di cui sopra, non potendosi far ricorso a opere provvisionali e a sistemi anticaduta fissati agli edifici i lavori devono essere eseguiti con l’ausilio di PLE (piattaforme di lavoro elevabili) e operando dall’interno piattaforme.

Nell’area download dell’articolo è disponibile in formato pdf lo schema riassuntivo.

Quando non è possibile far ricorso alle PLE , poiché quanto descritto rientra nei casi per i quali il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con lettera circolare del 10 febbraio 2012 ritiene sussistere la condizione di eccezionalità e quindi, ai sensi del punto 3.1.4 dell’Allegato VI del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. (lettera circolare Ministero Lavoro del 10- 02-2011), nella scelta delle misure, si accetta l’uso di apparecchi di sollevamento cose, corredate da appositi cestelli, per il sollevamento degli addetti e l’esecuzione dei lavori in oggetto a condizione che vengano rispettate le “Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine” emanate dalla Commissione Consultiva Permanente per la sicurezza sul lavoro di cui all’art. 6 del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.

https://www.cantierepro.com/shop/lavoro-nero-in-cantiere-rischi-conseguenze-coordinatore-sicurezza-ebook-de-filippo

Nello specifico è ammesso l’impiego di cestelli appositi vincolati ai ganci di gru per il sollevamento degli addetti e l’esecuzione dei lavori nel rispetto delle regole di cui al documento della Commissione Consultiva Permanente sopra richiamato, cui si rimanda come integrazione del presente documento. Inoltre, quando i lavori per loro natura non sono tecnicamente eseguibili dall’interno delle piattaforme e cestelli e si rende indispensabile che gli addetti operino a livello della copertura e non esistano misure alternative tecnicamente praticabili, si ammette l’adozione della seguente modalità di lavoro:

  • l’operatore, imbracato, si ancora al gancio della gru attraverso un sistema di arresto caduta conforme alla UNI EN 360 (avvolgitori) ed operante in modo da trattenere l’addetto;
  • deve essere predisposto un modo sicuro di accesso in quota dell’addetto;
  • prima di sbarcare sulla copertura l’addetto deve assicurarsi alla gru.

Lavoro in quota negli edifici danneggiati  - CONDIZIONI DI SICUREZZA

SEI GIÀ REGISTRATO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI


SEI GIÀ REGISTRATO MA NON RICORDI LA PASSWORD?
RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


NON SEI REGISTRATO?
CREA IL TUO ACCOUNT

  • Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy e ACCONSENTO al trattamento dei miei dati per finalità di marketing. Cliccando "REGISTRATI" dichiaro di aver letto ed accettato i Termini d'uso. LEGGI I TERMINI D'USO

    ©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
    F.to Redazione Tecnica