707530fe6f50007006dd1c8e43582b7a
:: di

La Direttiva Europea “CANTIERI” 92/57/CEE è stata recepita dai Paesi Membri con sostanziali differenze la cui analisi può essere di interesse sia per il Professionista che si trova ad operare negli Stati UE, sia per il Tecnico che si interfaccia con una Committenza proveniente da Paesi UE, all’interno del territorio italiano. Nel primo caso l’analisi dell’operatività e delle abilitazioni specifiche, delle impostazioni e dei documenti necessari è basilare per poter operare correttamente, mentre per il secondo caso spesso il Professionista si confronta con un Committente estero che è informato in materia in base alla Norma in vigore nel paese di origine e che ha difficoltà a comprendere la necessità di specifici adempimenti e ruoli previsti dal D.Lgs. 81/2008 – Titolo IV.

In sintesi di seguito alcune delle Leggi nazionali che hanno recepito la Direttiva UE:

*GERMANIA: Baustellenverordnung 01/07/1998 (CLILLA SUL LINK PER LEGGERE L’ARTICOLO DEDICATO);

*FRANCIA: Loi n. 93-1418/1993 (CLILLA SUL LINK PER LEGGERE L’ARTICOLO DEDICATO);

*SPAGNA: Real Decreto n. 1627/1997 (CLILLA SUL LINK PER LEGGERE L’ARTICOLO DEDICATO);

*GRAN BRETAGNA: C.D.M. Regulations n. 051/2015 (former CDM Regulations n. 320/2007 and former CDM Regulations 1994.

Ci dedichiamo oggi all’ultima delle quattro Normative elencate sopra, il C.D.M. Regulations n. 051/2015 entrato in vigore il 06 aprile 2015.

Contrariamente al precedente C.D.M. 2007, il Committente non ha più l’obbligo di verifica delle competenze del Coordinatore, del Progettista e dell’Impresa.

In Gran Bretagna non sono presenti Enti similari a Ordini o collegi Professionali ma esistono Istituzioni Private che fungono da garanti delle competenze dei propri associati e forniscono al Committente la possibilità di poter scegliere il Professionista idoneo in base alla tipologia di incarico.

Nel nuovo CDM 2015 la denominazione di “Coordinatore” scompare con la funzione che viene attribuita al PRINCIPAL DESIGNER che è in pratica il Professionista predominante nel gruppo dei Progettisti ed a cui il Committente deve dare incarico il più precocemente possibile.

Quest’ultimo, prima dell’inizio dei lavori deve trasmettere al Principal Designer e all’Impresa Affidataria il documento denominato PRE-CONSTRUCTION INFORMATION ove indicherà: l’eventuale presenza di un precedente Fasciolo dell’Opera, il tempo per l’allestimento del cantiere, le condizioni di sicurezza dell’area.

Inoltre dovrà fornire i Servizi igienici necessari al cantiere e altre operatività/informazioni nella PRE-CONSTRUCTION PHASE.

La differenziazione più marcata rispetto alla Normativa italiana riguarda la produzione dei documenti legati alla sicurezza del cantiere nella considerazione che il CONSTRUCTION PHASE PLAN (Piano di Sicurezza e Coordinamento) deve essere redatto non da Professionista ma dal PRINCIPAL CONTRACTOR (Impresa Affidataria), mentre il PRINCIPAL DESIGNER si occupa della redazione del  HEALTH AND SAFETY FILE (Fascicolo dell’Opera).

I compiti del P.D. sono:

-analizzare la sicurezza prima dell’inizio dei lavori;

-considerare nella fase progettuale le problematiche di sicurezza ed attivarsi affinchè si possa ridurre il rischio;

-valutare le interferenze;

-definire la durata delle singole fasi di lavoro e dell’intera opera;

-relazionarsi con l’Impresa Affidataria.

Potrebbero interessarti anche:

LAVORATORE AUTONOMO – IMPRESA FAMILIARE – IMPRESA ARTIGIANA, DALLA A ALLA Z. L'IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE DEL LAVORATORE AUTONOMO (CON MODULISTICA). RAPPORTO LAVORATIVO TRA CONIUGI (QUESITO MINISTERO DEL LAVORO ANNO 2015). F.to Redazione Tecnica ©

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica