fc5880b00d93f4f21a86879e4a7d90bb

Segnaliamo la nota commentata dall’Ing. Danilo GM De Filippo (Responsabile Vigilanza DTL Siena) sul tema del CSE e dell’Impresa Affidataria.

Quali sono gli adempimenti e gli obblighi che il D.Lgs. 81/2008 prevede in carico al CSE e come si è evoluta questa figura dall’entrata in vigore del D.Lgs. 494/96 ad oggi.

L’Ing. De Filippo analizza con puntualità l’art. 92 “Obblighi del coordinatore per l’esecuzione dei lavori” – comma 1:

«a) verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l’applicazione, da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento di cui all’articolo 100 ove previsto e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro;

b) verifica l’idoneità del piano operativo di sicurezza, da considerare come piano complementare di dettaglio del piano di sicurezza e coordinamento di cui all’articolo 100, assicurandone la coerenza con quest’ultimo, ove previsto, adegua il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all’articolo 100, ove previsto, e il fascicolo di cui all’articolo 91, comma 1, lettera b), in relazione all’evoluzione dei lavori ed alle eventuali modifiche intervenute, valutando le proposte delle imprese esecutrici dirette a migliorare la sicurezza in cantiere, verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i rispettivi piani operativi di sicurezza;

c) organizza tra i datori di lavoro, ivi compresi i lavoratori autonomi, la cooperazione ed il coordinamento delle attività nonché la loro reciproca informazione;

d) verifica l’attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali al fine di realizzare il coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza finalizzato al miglioramento della sicurezza in cantiere;

e) segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta alle imprese e ai lavoratori autonomi interessati, le inosservanze alle disposizioni degli articoli 94, 95, 96 e 97, comma 1, e alle prescrizioni del piano di cui all’articolo 100, ove previsto, e propone la sospensione dei lavori, l’allontanamento delle imprese o dei lavoratori autonomi dal cantiere, o la risoluzione del contratto. Nel caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun provvedimento in merito alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per l’esecuzione dà comunicazione dell’inadempienza alla

Azienda Unità Sanitaria Locale e alla Direzione Provinciale del Lavoro territorialmente competenti;

f) sospende, in caso di pericolo grave e imminente, direttamente riscontrato, le singole lavorazioni fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti effettuati dalle imprese interessate.»

Terminato il commento all’inquadramento normativo, il documento si sofferma sulla traslazione giurisprudenziale che il CSE ha avuto passando da “VIGILANTES” all’”ALTA VIGILANZA”, analizzando le seguenti sentenze della Corte di Cassazione:

– Cassazione Penale Sez. IV – 3 ottobre 2008 – n.38002 – “Sull’obbligo di sospendere i lavori”;

– Cassazione Penale Sez. IV – 7 maggio 2010 – n.17576 – “Sull’obbligo di sospendere i lavori”;

– Cassazione Penale Sez. IV – 13 maggio 2010 – n.18149 – “Sulla vigilanza ‘alta’ e sulla presenza fisica del Coordinatore”;

– Cassazione Penale Sez. IV – 8 aprile 2010 – n.13236 – “Sull’obbligo di aggiornamento del PSC”;

– Cassazione Penale Sez. IV – 4 gennaio 2011 – n.115 – “Sulla posizione di garanzia e sui doveri del Coordinatore”

– Cassazione Penale Sez. IV – 29 marzo 2011 – n.12703 – “Sugli obblighi del Coordinatore e sull’aggiornamento del PSC”.

L’analisi passa poi al tema dell’Impresa Affidataria, anche “pura”, la cui definizione e adempimenti lasciano spesso un grosso punto interrogativo nei Professionisti. L’Impresa Affidataria “pura” come indicato dall’Ing. De Filippo:

• Può avere un’iscrizione alla CCIAA non coerente con l’opera.

• Non partecipa con proprio personale alla realizzazione dell’opera.

• Non partecipa con macchine, attrezzature e apprestamenti alla realizzazione dell’opera.

• Coordina le attività di cantiere sotto l’aspetto organizzativo, del controllo e della cooperazione tra le imprese.  

Il documento è disponibile tramite il link sottostante:

CONFRONTI DI “SICUREZZA”

Fonte: Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati di Siena.

Potrebbero interessarti anche:

GIURISPRUDENZA CANTIEREPRO – Sentenze Cassazione, Interpelli. LAVORATORE AUTONOMO E DVR. Soggetti di cantiere – Definizione, Obblighi e Responsabilità. F.to Redazione Tecnica ©

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica