:: di

Si è detto in precedenza che, laddove il CSE verifichi irregolarità da parte delle imprese, ha l’obbligo di proporre al committente, in alternativa ad altre soluzioni, la sospensione dei lavori. Con i contenuti della lettera f), la norma ha voluto munire il coordinatore di un potere decisionale più vasto e di una piena autonomia da adottarsi tutti quei casi in cui la gravità o l’imminenza del pericolo siano tali da rendere inconciliabile l’attesa di un’esplicita autorizzazione da parte del committente.

NOTA

Ipotesi di casistica sui casi di pericolo grave e imminente:

§  Opere provvisionali inadeguate alla lavorazione;

§  Mancanza/carenza di ancoraggi (o parapetti, tavole fermapiede) sui ponteggi;

§  Aperture sul vuoto che espongono al rischio di caduta dall’alto;

§  Presenza di scavi non protetti;

§  Rischio di incendio o esplosione;

§  Attrezzature/macchine non conformi o danneggiate o non in regola con le verifiche periodiche;

§  Assenza/insufficienza di dispositivi di protezione collettiva;

§  Assenza/insufficienza di dispositivi di protezione individuale;

§  Impianto elettrico di cantiere non a norma;

§  Assenza in cantiere degli addetti alle emergenze;

§  Presenza di lavoratori non regolari.

 

In questi casi il CSE è obbligato ad applicare il provvedimento di sospensione delle lavorazioni e, solo successivamente, a fornirne notizia e motivazione al committente.

NON SEI REGISTRATO
OPPURE
SEI REGISTRATO CON LEVEL FREE?
ACQUISTA IL TUO ACCOUNT LEVEL PRO



SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI

SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO MA NON RICORDI LA PASSWORD? RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


 

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica