3c2cd854ac3f851b176c7b2a9cc34ffb

Il diagramma di Gantt come traduzione della pianificazione della cronologia dell’opera da realizzare risulta basilare al fine di una concreta analisi dei rapporti tra le diverse fasi lavorative e quindi tra i soggetti che hanno un ruolo operativo all’interno del cantiere.

E’ compito del Coordinatore per la Sicurezza eseguire tali analisi e stilare il cronoprogramma dell’opera, con l’intento di poter introdurre una linea logico/organizzativa per la riduzione dei rischi generati da eventuali sovrapposizioni siano esse intese come intervento nella medesima area di lavoro e/o altre situazioni che potrebbero necessitare di un corretto coordinamento.

Per riassumere tali valutazioni può essere utilizzato il Diagramma di GANTT, ove viene riassunta la durata della singola lavorazione, generando un quadro sintetico che possa essere oggetto di analisi in modo appunto da ridurre al massimo grado i rischi derivanti dallo sviluppo dell’opera.

Il Diagramma di GANTT è spesso “sottovalutato” da Imprese e Lavoratori Autonomi, soprattutto in cantieri “privati” di piccola entità, il cui comportamento in merito all’organizzazione ed allo sviluppo delle fasi di lavoro è influenzato da valutazioni interne di tipo organizzativo/forniture/necessità del committente, che pongono in secondo piano il cronoprogramma stabilito in sede di progetto; in questi casi è spesso il Coordinatore per la Sicurezza che deve “inseguire” gli Operatori fin anche il Committente, al fine di rimodulare, aggiornare, integrare il Diagramma di GANTT, creando così un corto circuito di dove il Professionista si trova erroneamente a seguire la strada imposta da altri e non quella da lui tracciata.

Il confronto tra le diverse “anime” del cantiere dovrebbe sempre avvenire in modo costruttivo e non impositivo, proprio perché ogni professionalità in campo parte dallo stesso peso specifico e non devono esserci “vincitori” o “vinti”, in modo da avere una prosecuzione dei lavori regolare e con minimi rischi.

Il “multitasking” incontrollato delle Imprese e degli altri soggetti operanti in cantiere deve essere arginato sul nascere traslando il concetto che pur essendo professionalità diverse all’interno di uno stesso luogo e tutti utili al completamento dell’opera, esiste comunque una verticalità che deve essere riconosciuta e rispettata da tutti.

Chiaramente il periodo precedente può far storcere la bocca al lettore Professionista che all’atto pratico è consapevole che quanto riportato sia in molti casi un cantiere perfetto irrealizzabile nel mondo reale, ma lo stesso lettore e prima ancora il committente, dovrebbe comprendere che solo il riequilibrio dei ruoli e il rispetto degli stessi può invertire certi “trend negativi”.

Non esiste una via perfetta per cui si possa trovare un procedimento atto a garantire il rispetto dei ruoli e delle priorità che devono essere eseguite all’interno di un lavoro e un cantiere; è chiaro però che parte fondamentale in tutto ciò sta alla capacità di chiarezza sul ruolo e la filiera di input che deve garantire la corretta prosecuzione di un’opera secondo la buona regola dell’arte e nel rispetto dei contenuti delle normative vigenti, prima ancora di necessità economiche o di implementazione in corso d’opera derivanti dal Committente e Datore di Lavoro.

Ritornando al Diagramma di GANTT le fasi di sviluppo sono anticipate dall’informazione sulla durata dell’intera opera e le operatività necessarie per il suo compimento.

A questo punto il Coordinatore per la Sicurezza colloca graficamente l’inizio delle singole fasi lavorative individuandone la durata effettiva, dando quindi un quadro generale della sequenza delle attività.

Il cronoprogramma consente:

-evidenza della cronologia temporale del progetto in parallelo con il calendario dei lavori;

-la rappresentazione dei principali “snodi” temporali;

-la rappresentazione delle interazioni tra le attività.

Potrebbero interessarti anche:

CASSAZIONE PENALE, SEZ. 4, 02 LUGLIO 2015, N. 28132: IL NESSO DI CASUALITÀ TRA IL COMPORTAMENTO ANOMALO DEL LAVORATORE E GLI OBBLIGHI DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA. INTERPELLO: PRESENZA ED AGGIORNAMENTO DIAGRAMMI DI GANTT E CRONOPROGRAMMA LAVORI DISTACCO DEI LAVORATORI – APPROFONDIMENTO. F.to Redazione Tecnica ©

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica