:: di

La gru su autocarro è una gru a motore, dotata di impianto idraulico, comprendente una colonna, rotante su una base, e un gruppo bracci che è applicato alla sommità della colonna.

La gru è montata di regola su un veicolo commerciale, autocarro o suo rimorchio ed è progettata per caricare e scaricare il veicolo su cui è installata, infatti questo tipo di gru appartiene alla famiglia delle gru chiamate gru caricatrici idrauliche.

La norma UNI EN 12999:2011, relativa alle gru caricatrici, non è applicabile alle gru costruite prima del marzo 2011 pertanto le indicazioni di seguito riportate tengono conto in particolar modo della versione precedente della norma, la UNI EN 12999:2005.

Configurazione

In base alla configurazione del gruppo bracci le gru caricatrici possono avere:

  • Gruppo bracci diritto (telescopico oppure fisso).
  • Gruppo bracci articolato (ripiegabile di traverso sul veicolo oppure ripiegabile lungo il veicolo).
    Da questo approfondimento sono escluse le apparecchiature speciali come ad esempio quelle utilizzate per l’esbosco di legname minuto; solitamente le gru caricatrici utilizzate nel settore edile hanno il gruppo bracci articolato e sono montate dietro la cabina dell’autocarro.

Montaggio

Le gru caricatrici oltre che su autocarro possono essere montate su altri mezzi quali ad esempio trattore o pick-up, oppure possono essere installate su una base fissa (fondazione). La gru per autocarro può essere montata:

  • dietro la cabina;
  • dietro il cassone (montaggio posteriore);
  • al centro del rimorchio (montaggio centrale).

Classificazione

Le gru caricatrici sono classificate in base alla condizione di impiego (caratteristiche dinamiche) e alle condizioni di carico a cui la macchina può essere sottoposta. In base alle loro caratteristiche dinamiche, si possono distinguere le seguenti classi di sollevamento:

  • H1, gru montate su un veicolo o una fondazione con flessibilità equivalente;
  • H2, gru montate su fondazione fissa.

In base alle condizioni di carico, che determinano le sollecitazioni a cui la gru può essere sottoposta, le gru caricatrici si suddividono nelle seguenti categorie:

  • A1 e B1, condizioni di servizio normale, sollevamento/discesa dei carichi con verricello (A1 senza considerare gli effetti del vento e B1 considerati gli effetti del vento).
  • A2 e B2, condizioni di servizio normale, con benna, con magnete o con accessorio simile che consenta il rilascio improvviso di una parte del carico (A2 senza considerare gli effetti del vento e B2 considerati gli effetti del vento).
  • A3 e B3, condizioni di servizio normale, con possibile rotazione durante il sollevamento/discesa del carico (A3 senza considerare gli effetti del vento e B3 considerati gli effetti del vento).
  • C, carico lordo in combinazione con carichi che si verificano in condizioni eccezionali.

Solitamente le gru su autocarro utilizzate nel settore edile appartengono alla categoria B3

UNI EN 12999:2011

In relazione alle condizioni di carico definisce le seguenti classi:

  • A1 e B1, condizioni di servizio normale, sollevamento/abbassamento dei carichi con picchi dinamici derivanti da ogni singola funzione idraulica durante la rotazione (A1 senza considerare gli effetti del vento e B1 considerati gli effetti del vento).
  • A2 e B2, condizioni di servizio normale, con benna, con magnete o con accessorio simile che consenta il rilascio improvviso di una parte del carico durante la rotazione (A2 senza considerare gli effetti del vento e B2 considerati gli effetti del vento).
  • C1, condizioni di servizio con picchi dinamici simultanei causati dal sollevamento o dall’abbassamento di un carico alla massima somma delle velocità verticali di tutte le unità di articolazione.
  • C3, gru sottoposte a condizioni di test.

Bibliografia: Scheda 2 CPT Torino

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica