:: di

La previsione sull’utilizzo dell’ascensore di cantiere impone anche la consapevolezza che questo apprestamento deve avere una serie di documenti allegati che ne consentono l’utilizzo in condizioni di sicurezza.

Marcatura e certificazioni

Le macchine immesse sul mercato dopo il 6 marzo 2010 devono possedere la marcatura “CE”. Il costruttore rilascia altresì la dichiarazione di conformità alle direttive europee e alle norme nazionali di applicazione delle stesse.

Istruzioni per l’uso

Questo documento, chiamato anche manuale di istruzioni per l’uso e la manutenzione, deve essere obbligatoriamente fornito con la macchina dal fabbricante o dal responsabile dell’immissione sul mercato e deve contenere le specifiche indicazioni per un uso corretto della macchina e per la sua adeguata manutenzione. È indispensabile per utilizzare in sicurezza l’attrezzatura, pertanto deve essere portato a conoscenza del manovratore e deve essere tenuto a disposizione in cantiere per poter essere consultato in caso di necessità.

Linee Guida dell’ISPESL

Le Linee Guida dell’ISPESL relative al trasporto di persone e materiali fra piani definiti in cantieri temporanei specificano che il manuale di istruzioni deve indicare:

  • le configurazioni previste dal costruttore per l’installazione dell’ascensore;
  • le indicazioni dettagliate riguardo il tipo, le caratteristiche, il posizionamento e le modalità di montaggio delle protezioni del percorso dell’ascensore, necessarie in corrispondenza di ciascun piano di arrivo;
  • che l’eventuale recinzione di base ad altezza ridotta non deve essere posizionata ad una distanza inferiore a 0,50 m rispetto alle parti mobili dell’ascensore.

UNI EN 12159

La norma UNI EN 12159 indica nel dettaglio i contenuti del manuale di istruzioni dell’ascensore di cantiere in merito a:

  • informazioni generali (ad esempio di identificazione della macchina);
  • informazioni sulla capacità e sulla progettazione (ad esempio, limiti di altezza, limiti di velocità, valori di pressione sonora);
  • dimensioni e pesi;
  • dati sull’alimentazione (azionamento elettrico, azionamento idraulico);
  • attrezzatura di sicurezza;
  • informazioni tecniche aggiuntive;
  • istruzioni di montaggio e smontaggio;
  • istruzioni di funzionamento e di utilizzo;
  • procedimenti in caso di avaria;
  • ispezioni e manutenzione.

Registro di controllo

Questo documento è da considerarsi parte integrante della macchina e deve accompagnarla per tutta la sua vita fino allo smantellamento finale; deve essere compilato e aggiornato a cura del datore di lavoro. Il registro di controllo contiene l’elenco delle verifiche e dei controlli effettuati sull’ascensore.

Il verificatore deve riportare in tabella la data della verifica, l’esito (le condizioni in cui si trova l’elemento sottoposto a verifica), eventuali altre annotazioni e la propria firma. Per gli ascensori da cantiere costruiti in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto e per quelle messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente all’emanazione di tali disposizioni legislative, sprovviste di registro di controllo, è opportuno che il datore di lavoro ne predisponga uno in base alle istruzioni del fabbricante o, in assenza di queste ultime, in base alle norme di buona tecnica.

In ogni caso è sempre opportuno tenere traccia degli interventi di manutenzione e controllo eseguiti.

Bibliografia: CPT Torino

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica