ca0eecc079196207b3a9cee7f0f03dd1

Quanto hanno termine i compiti del coordinatore sicurezza ed è necessario che sia redatta una specifica comunicazione di fine dei lavori che ponga un limite temporale finale chiaro al cantiere?.

Ci aiuta a comprendere il tema della comunicazione di fine dei lavori e delle corrette procedure che il coordinatore sicurezza deve rispettare una risposta al quesito presentato all'attenzione del Settore Prevenzione Igiene e Sicurezza sui luoghi di lavoro Regione Toscana.

Può essere considerata legittima e liberatoria per il coordinatore sicurezza in fase di esecuzione una comunicazione di fine cantiere alla ASL o un verbale in cui tutti i soggetti coinvolti nella sicurezza (committente, impresa, coordinatore) attestano la fine delle lavorazioni soggette a sicurezza?.

Si ritiene che la formalizzazione della fine dei lavori conseguita con la verbalizzazione sottoscritta dal CSE, committente o responsabile dei lavori, impresa/e affidataria/e, esecutrice e lavoratori autonomi possa essere ritenuta legittima e liberatoria. Una comunicazione di fine lavori inviata al la ASI. non è prevista dalla norma.

(fonte Settore Prevenzione Igiene e Sicurezza sui luoghi di lavoro 02.05.2012)

Potrebbero interessarti anche:

CASSAZIONE – COORDINATORE: VERBALE DI ULTIMAZIONE LAVORI.

LA NOMINA DEL RESPONSABILE DEI LAVORI

COORDINATORE SICUREZZA, LIBERO MERCATO E TUTELE CONCORRENZIALI

F.to Redazione Tecnica ©

      

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica