:: di

Con la sentenza Sez. 4, 29 aprile 2015, n. 18040 i Giudici di Cassazione, esaminando il ricorso proposto da un CSE che si era visto condannare per aver cagionato colposamente l’infortunio mortale di un dipendente. Questi era caduto dall’altezza di sei metri, tornano nuovamente a confermare e ribadire la rilevanza dell’attività di vigilanza e sorveglianza del coordinatore per la sicurezza in cantiere.

origine dell'infortunio

Nello specifico l’infortunio mortale, per il quale il CSE era stato condannato, si verificava a causa della rottura dei pannelli di legno, inidonei a sostenere i carichi con le quali era stata realizzato il piano di lavoro aggiuntivo dell’opera provvisionale in impalcato prospiciente l’immobile su cui lo stesso stazionava.

NON SEI REGISTRATO
OPPURE
SEI REGISTRATO CON LEVEL FREE?
ACQUISTA IL TUO ACCOUNT LEVEL PRO



SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI

SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO MA NON RICORDI LA PASSWORD? RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


 

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica