:: di

Analizziamo la sentenza 1683/2020 Sez IV  in cui viene affrontato il ricorso in Cassazione di un Preposto a seguito di un infortunio originato da una prassi contra legem. In quale modo deve procedere il Preposto a tutela e testimonianza del suo corretto agire in base a quanto prevede la normativa?

https://youtu.be/Ee7EqIHMQmU

IL FATTO

La Corte di Appello di Brescia confermava la sentenza di Primo Grado in cui venivano condannati CE e BG nelle loro qualità di Dirigente e Preposto alla pena di mesi cinque e tre di reclusione per cooperazione colposa in occasione dell’infortunio occorso ad un lavoratore che stava movimentando degli apprestamenti al di sopra del cassone di un mezzo, unitamente ad altro collega che era addetto alla movimentazione del braccio gru in dotazione al mezzo.

https://www.safetyfactory.it/2022/09/q-come-quadro-elettrico-abbecedario-del-cs/

L’origine dell’infortunio derivava da un anomalo movimento improvviso del materiale sollevato, che non era stato imbracato secondo quanto previsto dal produttore.

NON SEI REGISTRATO
OPPURE
SEI REGISTRATO CON LEVEL FREE?
ACQUISTA IL TUO ACCOUNT LEVEL PRO



SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO?
ENTRA CON LE TUE CREDENZIALI

SEI GIÀ REGISTRATO CON LEVEL PRO MA NON RICORDI LA PASSWORD? RECUPERA PASSWORD

Please enter your email address.
Riceverai un'email con un link per generare una nuova password.


 

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica