6b28f9a35a0a86c06784255d9cef40f2
:: di

Analizziamo la sentenza n. 7683/2018 della Sezione IV della Corte di Cassazione, dove si affronta il tema del datore di lavoro di fatto con ‘infortunio mortale di un operatore intento a montare una tensostruttura, con la presenza attiva in loco di un soggetto differente dal suo datore di lavoro “ordinario”.

IL FATTO

Durante i lavori di installazione di una tensostruttura temporanea (gazebo) quest’ultima si sollevava da terra a causa dell’improvvisa azione del vento unita al mancato ancoraggio a terra, trascinando con se un operatore che precipitava a terra riportando lesioni mortali.

La Corte di Appello di Cagliari confermava la sentenza di primo grado inerente la condanna di omicidio colposo per il Titolare dell’azienda che era intervenuto occasionalmente sul luogo di lavoro, considerandolo datore di lavoro di fatto dell’operaio deceduto (dipendente di altra azienda).

Proponeva ricorso in Cassazione il Titolare dell’azienda condannato evidenziando che lo stesso era intervenuto nelle operazioni “in qualità di mero esperto” (cit.) e che l’operaio deceduto era dipendente di altra azienda; inoltre il fenomeno meteorologico era da considerarsi come vera e propria tromba d’aria che avrebbe sradicato da terra la struttura anche se la stessa fosse stata completata e quindi correttamente ancorata (fatto non correttamente considerato nei precedenti gradi di giudizio).

DIRITTO

Preso atto delle motivazioni del ricorso la Cassazione considera lo stesso inammissibile con le seguenti motivazioni:

*l’imputato ha diretto le operazioni di montaggio della tensostruttura ricoprendo dunque il ruolo di datore di lavoro di fatto; assume la posizione di garante in base al principio di effettività “colui il quale di fatto si accolla e svolge i poteri del datore di lavoro, del dirigente o del preposto” (cit.).

La Cassazione, richiamando il contenuto dell’art. 299 del D.Lgs. 81/2008 “Esercizio di fatto di poteri direttivi” afferma come “le posizioni di garanzia relative ai soggetti di cui all’articolo 2, comma 1, lettere b), d) ed e), (datore di lavoro, dirigente, preposto- n.d.r.) gravano altresì su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti a ciascuno dei soggetti ivi definiti” (cit.).

Quindi è ininfluente il fatto che il soggetto deceduto non fosse dipendente del Titolare condannato ma solo legato da “rapporti contrattuali di altro tipo e da una mera comunanza di interessi economici” (cit.); in concreto è il ruolo avuto nell’atto della direzione delle operazioni inerenti la tensostruttura che evidenzia come il Titolare fosse un datore di lavoro di fatto avendo proceduto ad impartire indicazioni che non erano in linea con le istruzioni del costruttore/venditore della tensostruttura (“il dato della proprietà della tensostruttura non è determinate ai fini dell'assunzione della posizione di garanzia propria del datore di lavoro” cit).

La Cassazione proseguendo evidenzia come il secondo motivo presentato (evento meteorologico straordinario) è inammissibile considerata l’impossibilità della Suprema Corte di rilettura degli elementi di fatto; la Corte d’Appello aveva analizzato la tesi difensiva del ricorrente (poi condannato) che aveva posto in evidenza come nello stesso arco temporale si era verificato un evento similare in altro luogo (Fiumicino).

La tesi dimostra come la situazione di instabilità meteorologica fosse particolarmente estesa sulla fascia Tirrenica e che il datore di lavoro di fatto avrebbe dovuto a sospendere le operazioni rinviandole fino al termine dell’evento meteorologico consultando preventivamente il bollettino.

F.to Redazione Tecnica

Potrebbero interessarti anche:

Committenne ed impresa affidataria: verifica formazione Datore di Lavoro, dirigente e preposto.

Caduta dall’alto al di sotto dei 2,00 mt., quali responsabilità?.

Cassazione e datore di lavoro: infortunio mortaleed occultamento di cadavere.

      

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica