d9bcda563a8245ac10eede2d1f5d507a

Il T.U. D.Lgs. 81/2008 tra i compiti in capo al Committente o Responsabile dei Lavori, indica all’articolo 90 comma 9 lettera B l’acquisizione della “dichiarazione di organico medio annuo distinto per qualifica” con esclusione dei casi in cui i lavori non superano i 200 uomini giorno e le opere in oggetto non rientrano all’interno dei lavori comportanti rischi particolari:

* Lavori che espongono i lavoratori a rischi di seppellimento o di sprofondamento a profondità superiore a m 1,5 o di caduta dall’alto da altezza superiore a m 2, se particolarmente aggravati dalla natura dell’attività o dei procedimenti attuati oppure dalle condizioni ambientali del posto di lavoro o dell’opera.

*Lavori che espongono i lavoratori al rischio di esplosione derivante dall’innesco accidentale di un ordigno bellico inesploso rinvenuto durante le attività di scavo.

*Lavori che espongono i lavoratori a sostanze chimiche o biologiche che presentano rischi particolari per la sicurezza e la salute dei lavoratori oppure comportano un’esigenza legale di sorveglianza sanitaria.

*Lavori con radiazioni ionizzanti che esigono la designazione di zone controllate o sorvegliate, quali definite dalla vigente normativa in materia di protezione dei lavoratori dalle radiazioni ionizzanti.

*Lavori in prossimità di linee elettriche aree a conduttori nudi in tensione.

*Lavori che espongono ad un rischio di annegamento.

*Lavori in pozzi, sterri sotterranei e gallerie.

*Lavori subacquei con respiratori.

*Lavori in cassoni ad aria compressa.

*Lavori comportanti l’impiego di esplosivi.

*Lavori di montaggio o smontaggio di elementi prefabbricati pesanti.

Per i casi in esclusione l’Impresa può soddisfare il requisito con la consegna di Autodichiarazione in merito al Contratto di Lavoro Applicato e del DURC (Documento Unico Regolarità Contributiva) per i lavori privati, mentre per le Opere Pubbliche è la Stazione Appaltante che telematicamente può richiedere direttamente il documento.

Ovviamente alla realtà dei fatti è sovente il Professionista incaricato quale Coordinatore per la Sicurezza ad effettuare questa “richiesta” in nome e per conto del Committente o Responsabile dei Lavori e spesso Imprese di natura medio piccola non hanno mai redatto tali documenti, vendo svolto interventi al di sotto dei limiti richiamati sopra.

La difficoltà della corretta informazione al Committente o Responsabile dei Lavori e quindi di conseguenza anche alle Imprese coinvolte su adempimenti, tempistiche e sanzioni, è già stata analizzata nell’articolo COME INFORMARE IL COMMITTENTE ed è stato uno dei principi fondanti della web abb gratuita WWW.IN-SICUREZZA.eu con brevi report di sintesi in base alle diverse “condizioni” del cantiere, la web app riassume cronologicamente quali adempimenti deve rispettare il Committente o Responsabile dei Lavori.

Per facilitare ancor di più il compito dei soggetti interessati (Committente, Responsabile dei Lavori, Coordinatore e Datore di Lavoro) sono stati sviluppati modelli scaricabili nell’area download dell’articolo, inerenti:

-DICHIARAZIONE ORGANICO MEDIO ANNUO;

AUTOCERTIFICAZIONE RELATIVA AL CONTRATTO COLLETTIVO APPLICATO.

F.to Redazione Tecnica

Potrebbero interessarti anche:

Committenne ed impresa affidataria: verifica formazione Datore di Lavoro e preposto.

Caduta dall’alto al di sotto dei 2,00 mt., quali responsabilità?.

Cassazione e datore di lavoro: infortunio mortale durante la movimentazione dei carichi.

      

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica