71148e02441b5e20c95a2b75658c3b9e

Sulla necessità  di aggiornamento del POS già prodotto in sede di affidamento dell’appalto evidenziamo il quesito inviato al Settore Igiene e Sicurezza nei luoghi di lavoro della Regione Toscana, inerente opere in appalto di manutenzione continuativa a reti, nel caso di interventi in regime d’urgenza:

QUESITO

Lavori relativi a contratti di appalto per la manutenzione della rete idrica e fognaria per i quali è stato redatto il PSC, quale parte integrante del contratto, sono stati nominati il CSP e il CSE ed è stato redatto un POS generale da parte dell’impresa prima della consegna dell’appalto: nel caso di interventi per riparazioni in urgenza delle suddetti reti si chiede se per ogni cantiere mobile urgente sia necessario integrare il POS consegnato prima dell’appalto o sia sufficiente richiamare il POS generale nel caso quest’ultimo contempli la casistica delle lavorazioni in atto. La domanda è riferita anche a lavori per realizzazione dei nuovi allacciamenti alle reti.

RISPOSTA

Nei casi esposti, se i lavori oggetto dell’intervento sono stati presi in considerazione nel POS “generale” inteso come insieme di procedure di sicurezza dei singoli lavorii, non è necessario apportare integrazioni.

Si deve comunque, prima dell’inizio di ciascun intervento, indicare la parte specifica a cui fare riferimento.

Diversamente, se i lavori non sono stati presi in considerazione deve essere redatto un nuovo POS.

F.to Redazione Tecnica ©

Potrebbero interessarti anche:

ADDETTI AI LAVORI – RSPP ADDETTI AI LAVORI – COORDINATORE SICUREZZA ADDETTI AI LAVORI – GIURISPRUDENZA

La nostra Biblioteca Tecnica:

La sicurezza in cantiere: Il coordinatore e il lavoro nero (enewsPRO Vol. 1) Ondate di calore e cantiere (enewsPRO Vol. 2)

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

©CANTIEREPRO.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI. RIPRODUZIONE CONSENTITA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE
F.to Redazione Tecnica