ADDETTI AI LAVORI > GIURISPRUDENZA

Progettazione, installazione ed utilizzo di sistemi anticaduta e linee vita in copertura - responsabilità giuridiche degli addetti ai lavori.

01 August 17

La filiera progettuale, realizzativa ed operativa per i sistemi anticaduta e le linee vita è indubbiamente consistente, prendendo spunto dall’interpello presentato alla Regione Toscana nell’anno 2008 inerente il chiarimento in merito alle responsabilità di tutti i soggetti coinvolti della progettazione, installazione ed utilizzo di sistemi anticaduta e linee vita (interpello relativo all’applicazione del Regolamento Regionale in vigore all’epoca della richiesta), analizziamo quali possono essere le maggiori responsabilità per gli addetti ai lavori che sono impegnati nella progettazione, installazione ed utilizzo, cercando di effettuare una sintesi che possa coincidere con le normative nazionali e locali di riferimento.

 

COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (o PROGETTISTA in base ai casi ed alle normative)

*mancata progettazione del sistema anticaduta;

*errata progettazione del sistema anticaduta.

*mancato o errato riferimento al documento d’uso e manutenzione del sistema anticaduta (es. E.T.C.) all’interno del Fascicolo dell’Opera.

 

PROFESSIONISTA INCARICATO PER RELAZIONE CALCOLO

*mancata o errata valutazione del pacchetto di struttura interessato dal posizionamento del sistema di fissaggio degli ancoraggi;

*mancata o errata verifica della resistenza della struttura di copertura interessata, a seguito degli effetti dinamici riferiti all’utilizzo del sistema anticaduta;

 

COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE (o DIRETTORE DEI LAVORI in base ai casi ed alle normative)

*Mancati controlli sulla corretta installazione.

*Mancato adeguamento del sistema anticaduta in base ad eventuali varianti in corso d’opera.

*Mancata o errata presentazione al competente Ufficio Comunale, della documentazione esecutiva al termine dell’installazione.

*Mancata o errata presentazione dell’Elaborato (o Fascicolo) Tecnico della Copertura al Committente.

*Mancato o errato riferimento al documento d’uso e manutenzione del sistema anticaduta (es. E.T.C.) all’interno del Fascicolo dell’Opera.

 

INSTALLATORE DEL SISTEMA ANTICADUTA – DATORE DI LAVORO

*Mancato rispetto in fase di installazione del sistema anticaduta di quanto indicato nei documenti progettuali e nelle schede tecniche del produttore dei sistemi.

*Affidamento dell’opera senza possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale e altri previsti dal T.U. 81/2008.

*Mancata valutazione dei rischi.

*Mancata acquisizione dell’Elaborato (o Fascicolo) Tecnico della Copertura.

*Mancata sospensione dell’intervento in caso di manutenzione obbligatoria preventiva non effettuata dal Committente.

*Esecuzione del lavoro senza possesso requisiti di idoneità tecnico professionale e altri previsti dal T.U. 81/2008.

 

PRODUTTORE SISTEMI ANTICADUTA

*Certificazione prodotti non conforme alle normative UNI di riferimenti vigenti nel periodo temporale di intervento.

 

COMMITTENTE

*Mancata manutenzione.

*Mancata nomina professionisti (es. Coordinatore Sicurezza).

*Mancata consegna al soggetto esecutore (preliminare alle opere) dell’Elaborato (o Fascicolo) Tecnico della Copertura.

*Errato affidamento dell’opera a soggetto esecutore in assenza di tutti (o alcuni) i requisiti di idoneità tecnico professionale e altri previsti dal T.U. 81/2008.

 

Potrebbero interessarti anche:

LA SINDROME DA SOSPENSIONE INERTE.

LA CASSAZIONE SI ESPRIME SUI LAVORI IN QUOTA.

CONDOMINIO E LINEE VITA – IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE DEGLI OPERATORI.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: ANTICADUTA LINEE VITA COORDINATORE SICUREZZA COPERTURA 81