RISCHI > IMPIANTO ELETTRICO E AFFINI

Valutazione del rischio e verifiche per gli impianti di protezione contro le scariche atmosferiche.

07 October 16

Gli obblighi del Datore di Lavoro in merito ad impianti elettrici ed apparecchiature elettriche, sono dettagliati all’interno del T.U. D.Lgs. 81/2008 – Titolo III (USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) – Capo III (IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE):

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati dai tutti i rischi di natura elettrica connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione…A tale fine il datore di lavoro esegue una valutazione dei rischi….adotta le misure tecniche ed organizzative necessarie ad eliminare o ridurre al minimo i rischi presenti

 

Il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini realizzati secondo le norme tecniche”

 

Quindi a seguito di corretta valutazione dei rischi viene prodotto il DVR contenente anche l’aspetto legato al rischio fulmini e provvede a realizzare i mezzi necessari all’abbattimento di detto rischio; ad esempio l’impianto di protezione scariche atmosferiche è uno dei mezzi per la riduzione degli aspetti legati alla fulminazione ed è INAIL che verifica (a campione) la prima avvenuta installazione.

 

CRONOLOGIA LEGISLATIVA E NORME TECNICHE E CIRCOLARI

D.P.R. 462/01 «Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi. »

 

Circolare Ispesl n. 17/2002 - Applicazione del d.p.r. 22 ottobre 2001, n. 462 “Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra e di impianti elettrici pericolosi”

 

Circolare Ispesl 13/2004 - Applicazione del d.p.r. 22 ottobre 2001, n. 462

 

D.M. 37/2008 e successive modificazioni ed integrazioni “Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione”.

 

D.L. 81/2008 «TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO»

(introduce un ulteriore controllo del Datore di Lavoro per impianti elettrici e impianti di protezione scariche atmosferiche)

 

D.L. 78/2010 «Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita' economica»

L. 122/2010 «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica»

(Sono attribuite ad INAIL le funzioni in capo a ISPESL)

 

Guida tecnica Inail, Aprile 2012, “d.p.r. 462/01 - Guida tecnica alla prima verifica degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e impianti di messa a terra”

 

CEI 81-10/1 (EN 62305-1) “Protezione contro i fulmini - Parte 1: Principi generali”

 

CEI 81-10/2 (EN 62305-2) “Protezione contro i fulmini - Parte 2: Valutazione del rischio”

 

CEI 81-10/3 (EN 62305-3) “Protezione contro i fulmini - Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone”

 

CEI 81-10/4 (EN 62305-4) “Protezione contro i fulmini - Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture”

 

CEI 64-8 “Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua”

 

Per una corretta valutazione del rischio e informazione segnaliamo la nuova guida INAIL:

 

IMPIANTI DI PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE - VALUTAZIONE DEL RISCHIO E VERIFICHE.

 

Dove viene analizzato:

*Il d.p.r. 462/01 per gli impianti di protezione contro le scariche 9 atmosferiche.

*La valutazione del rischio di fulminazione: descrizione del metodo 14 di lavoro.

*Le verifiche degli impianti di protezione contro le scariche atmosferiche.

*Protezione di apparecchiature elettriche o elettroniche: 65 la norma CEI 81-10/4 (EN 62305-4).

*L’evoluzione delle norme tecniche sugli impianti di protezione 67 contro le scariche atmosferiche.

 

Potrebbero Interessarti anche:

MESSA A TERRA DEL PONTEGGIO.

 

L'IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE - ATTI CONVEGNO EXHIBIT (SIENA) DICEMBRE 2014.

 

STRUTTURE METALLICHE ALL'APERTO - OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO.

 

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

 

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

@CANTIEREPRO
il canale Telegram con le notizie del giorno.

 

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: CEI 81 81 RISCHIO IMPIANTI PROTEZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE DATORE DI LAVORO INAIL IMPIANTO ELETTRICO