RISCHI > IMPIANTO ELETTRICO E AFFINI

Rischio elettrico: come riconoscere le reti elettriche aeree e interrate.

05 October 17

Il tema rischio elettrico è al centro della sezione dedicata sulla nostra piattaforma IMPIANTO ELETTRICO ED AFFINI; sono stati trattati i seguenti macro-argomenti:

La sicurezza delle luminarie su spazi pubblici.

Strutture metalliche all'aperto - obblighi del datore di lavoro.

Tutto sull'impianto elettrico di cantiere.

Il contatto con linee elettrificate rappresenta uno dei rischi più comuni quando si va ad operare in ambiente esterno; il rischio elettrico si manifesta sia su operatività a cielo aperto, sia per interventi di scavo. Il D.Lgs. 81/2008 richiama le minime distanze di sicurezza da rispettare verso questa tipologia di reti:

 

Tab. 1 Allegato IX - Distanze di sicurezza da parti attive di linee elettriche e di impianti elettrici non protette o non sufficientemente protette da osservarsi, nell’esecuzione di lavori non elettrici, al netto degli ingombri derivanti dal tipo di lavoro, delle attrezzature utilizzate e dei materiali movimentati, nonché degli sbandamenti laterali dei conduttori dovuti all’azione del vento e degli abbassamenti di quota dovuti alle condizioni termiche.

 

Un (kV)

D (m)

≤ 1

3

1 < Un ≤ 30

3,5

30 < Un ≤ 132

5

> 132

7

 

Per il rischio elettrico derivante dalla presenza di linee elettriche aeree, le ultime normative di riferimento sono la nuova edizione della norma CEI 11-27 (IV edizione – 2014) al punto 6.4.4 e la norma EN 50110-1:2013 che prevedono una verifica puntuale rispetto alle misure indicate nel D.Lgs. 81/2008.

Il censimento del rischio interessa il datore di lavoro e il coordinatore sicurezza (se nominato); si tratta di una valutazione che può comportare fisiologici ritardi nella fase progettuale perché la richiesta di eventuali sopralluoghi preliminari agli enti gestori può avere tempistiche di effettuazione non così immediate.

Questo si potrebbe ripercuotere anche nella fase esecutiva nel momento in cui tali enti debbano inviare squadre specifiche ad intervenire sul luogo di lavoro (o cantiere) per eseguire distacchi, spostamenti ecc.

Risulta fondamentale quindi censire nel modo più accurato possibile la posizione delle reti e anche la loro tipologia; quest’ultimo aspetto non è sempre così immediato soprattutto nei casi in cui si riscontri la presenza di numerose linee (es. lavori su facciata all’interno di un centro storico).

Comprendere la diversità delle varie reti elettriche aiuta il datore di lavoro ed il coordinatore ad ottimizzare questo censimento e rendere un puntuale censimento dei rischi interferenti con la mitigazione/annullamento tramite specifiche procedure.

Al fine di facilitare questi compiti segnaliamo la documentazione (disponibile nell’area download dell’articolo):

- CANTIERI EDILI E LINEE ELETTRICHE AEREE: UNA DIFFICILE CONVIVENZA (ASL 3 TO – P.I. Federico Magrì)

- Prevenzione del rischio elettrico - Come riconoscere le linee di trasporto e distribuzione elettrica (©e-distribuzione)

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Valutazione del rischio e verifiche per gli impianti di protezione
contro le scariche atmosferiche.

Spettacoli e eventi temporanei – impianto elettrico.

I controlli sull’impianto elettrico di cantiere.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: RISCHIO ELETTRICO SCAVO LINEE ELETTRICHE DATORE DI LAVORO COORDINATORE