ADDETTI AI LAVORI > MEDICO COMPETENTE

Medicina del lavoro – codice internazionale di etica 2016.

26 September 16

Gli OML (Operatori di Medicina del Lavoro) sono medici che operano nel contesto della sicurezza sul lavoro, sia all’interno di strutture Pubbliche che da liberi Professionisti, aventi varie competenze attinenti la salute sul luogo di lavoro.

Il T.U. D.Lgs. 81/2008 all’art. 39 “Svolgimento dell’attività di medico competente” riporta testualmente:

“1. L’attività di medico competente è svolta secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH).

2. Il medico competente svolge la propria opera in qualità di:

a) dipendente o collaboratore di una struttura esterna pubblica o privata, convenzionata con l’imprenditore;

b) libero professionista;

c) dipendente del datore di lavoro.

3. Il dipendente di una struttura pubblica, assegnato agli uffici che svolgono attività di vigilanza, non può prestare, ad alcun titolo e in alcuna parte del territorio nazionale, attività di medico competente.

4. Il datore di lavoro assicura al medico competente le condizioni necessarie per lo svolgimento di tutti i suoi compiti garantendone l’autonomia.

5. Il medico competente può avvalersi, per accertamenti diagnostici, della collaborazione di medici specialisti scelti in accordo con il datore di lavoro che ne sopporta gli oneri.

6. Nei casi di aziende con più unità produttive, nei casi di gruppi d’imprese nonché qualora la valutazione dei rischi ne evidenzi la necessità, il datore di lavoro può nominare più medici competenti individuando tra essi un medico con funzioni di coordinamento.

Il “Codice internazionale di etica per gli operatori di medicina del lavoro”, la cui prima edizione risale all’anno 1992 dall’International commission on occupational health (ICOH), puntualizzava i principi etici generali della medicina del lavoro, che dovevano essere allineati ai continui cambiamenti riguardo a servizi di medicina del lavoro sintetizzabili in:

*nuove tecnologie dell’informazione;

*evoluzione delle condizioni di lavoro;

*liberalizzazioni e globalizzazione;

*sviluppo tecnologico.

La storia e l’evoluzione del “Codice internazionale di etica per gli operatori di medicina del lavoro” si sviluppa:

1987

Progetto preliminare

1991

Approvazione (Edizione I)

1992

Pubblicazione in lingua inglese e francese

1993

Istituzione Gruppo Lavoro per suo aggiornamento

1997

Coordinamento tra Gruppo Lavoro e ICOH

1999

Inizio processo revisione

2002

Approvazione dell’aggiornamento (Edizione II)

2008

Avvio nuova revisione

2011

Relazione sull’avanzamento della revisione

2014

Adozione aggiornamenti della revisione (Edizione III)

 

Il documento è disponibile collegandosi a:

 

CODICE INTERNAZIONALE DI ETICA

PER GLI OPERATORI DI MEDICINA DEL LAVORO

 

Potrebbero interessarti anche:

 

INTERPELLO - Svolgimento dell’attività di medico competente

 

TERMINOLOGIA DEGLI INFORTUNI

 

BITUME E RISCHI PER GLI ASFALTATORI

 

 (RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

 

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: MEDICINA DEL LAVORO CODICE ETICO ICOH MEDICO