ADDETTI AI LAVORI > COORDINATORE PER LA SICUREZZA

La nomina del Responsabile dei Lavori.

27 November 17

La nomina del Responsabile dei Lavori da parte del committente spesso avviene con eccessiva leggerezza da parte di quest'ultimo che crede (errando) di poter dare piena delega di funzione e responsabilità ad un altro soggetto, su quanto richiesto all'interno del T.U. Come evidenziato all’interno del D.Lgs. 81/2008 art. 89 “Definizioni” il Committente è il “soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata”, con l’integrazione, nel caso di Lavori Pubblici, della definizione precedente con “titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell’appalto”. Il ruolo e gli adempimenti del Committente sono stati tradotti in report di sintesi all’interno del nostro tutorial gratuito per i Committenti

WWW.IN.SICUREZZA.EU

E’ data facoltà al Committente di nominare il Responsabile dei Lavori, soggetto incaricato per svolgere i compiti definiti dal D.Lgs. 81/2008 in capo proprio alla figura del Committente.

In ambito di appalto pubblico tale incarico o delega di funzione è definita dalla norma nella considerazione che il ruolo di Responsabile dei Lavori per opere pubbliche viene in automatico conferito al soggetto incaricato come Responsabile Unico del Procedimento.

Tale passaggio, dettagliato dal D.Lgs. 81/2008 risolve la problematica inerente l’effettiva formalizzazione scritta dell’incarico, che invece diventa non scontata all’interno di lavori privati.

L’assenza di incarico scritto da parte del Committente al Responsabile dei Lavori è stata materia sviluppata anche dalla Corte di Cassazione che con sentenza n. 14012 dell’aprile 2015 dove è stato evidenziato che l’assenza della nomina sottoscritta dalle parti tra committente e incaricato Responsabile dei Lavori, implica che ogni responsabilità rilevata in capo ad inadempienze riferibili agli obblighi di Legge, è ascrivibile unicamente al Committente.

Il fatto viene descritto nella sentenza ed analizzato nel dettaglio con l’articolo:

CASSAZIONE PENALE, SEZ. 4, 02 APRILE 2015, N. 14012 – LA RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE NEI CANTIERI E LA NOMINA DEL RESPONSABILE DEI LAVORI

La Cassazione conferma quanto già indicato fin dalla sentenza di I Grado dove il Tecnico delegato oralmente come Responsabile dei Lavori dal Committente, veniva assolto proprio per l’assenza di un incarico sottoscritto dalle parti.

A tale riguardo, nel download dell’articolo, è presente la modulistica sviluppata da cantierepro.it "DELEGA FUNZIONE DEL COMMITTENTE AL RESPONSABILE DEI LAVORI" così come necessario per le motivazioni di cui sopra.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

>contatta la redazione<

 

Potrebbero interessarti anche:

COMMITTENTE E SICUREZZA NEI CANTIERI – IL TUTORIAL IN-SICUREZZA.EU

LE VERIFICHE PRELIMINARI PER L’INCARICO AL COORDINATORE SICUREZZA.

FASCICOLO DELL'OPERA, OBBLIGHI NORMATIVI E BUONE PRASSI.

 


La nostra Biblioteca Tecnica:

La sicurezza in cantiere: Il coordinatore e il lavoro nero

Ondate di calore e cantiere

IMPRESA AFFIDATARIA: analisi, obblighi, idoneità tecnico professionale

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI SICUREZZA 50/2016