ADDETTI AI LAVORI > COORDINATORE PER LA SICUREZZA

Interpello: Impresa esecutrice-Committente e l’obbligo di redazione del POS.

12 June 17

QUESITO

Nel caso una Ditta di lavori edili/civili apra un nuovo cantiere nel quale opera in via esclusiva con i suoi dipendenti e mezzi (es. realizzazione di una discarica rifiuti), per tale cantiere è necessario che rediga un POS specifico oppure è sufficiente la Valutazione del rischio generica, presente in azienda?. Per IMPRESA ESECUTRICE va intesa comunque qualsiasi impresa operante in cantiere o il termine è vincolato all’esistenza di un committente?.

 

RISPOSTA

L’impresa esecutrice, indipendentemente dal suo ulteriore ruolo (committente, affidataria) deve redigere comunque un POS specifico (art. 96 comma 1 lettega G D.Lgs. 81/2008 «i datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere operi una unica impresa, anche familiare o con meno di dieci dipendenti:…redigono il piano operativo di sicurezza (POS – ndr) di cui all’art. 89 comma 1 lettera H)».

Peraltro la definizione di POS recita «piano operativo di sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell’impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell’articolo 17 comma 1, lettera a), i cui contenuti sono riportati nell’ALLEGATO XV»

 

Fonte: Regione Toscana – Prevenzione Igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

Potrebbero interessarti anche:

POS – IL VERBALE DI VERIFICA DEL COORDINATORE

POS PER IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE – INTERPELLO MINISTERO DEL LAVORO

WWW.IN-SICUREZZA.EU – TUTORIAL SUL COMMITTENTE DI LAVORI

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: POS IMPRESA ESECUTRICE COMMITTENTE QUESITO INTERPELLO