ADDETTI AI LAVORI > GIURISPRUDENZA

INTERPELLO: chiarimenti in merito all'idoneità tecnico professionale - casi particolari.

01 June 14

L'idoneità tecnico professionale e la risposta a questiti neti rispetto a casistiche di affidamento particolari.

QUESITO: Svolgo la funzione di coordinatore della sicurezza nei cantieri, mi sono sorti dei dubbi in merito all’idoneità tecnico professionale che devono avere: le imprese familiari; le società snc dove in cantiere lavorano due o tre soci con pari responsabilità e indipendenza lavorativa, anche decisionale. Si configurano come imprese e quindi devo richiedere POS, ecc. come da Allegato XV, o come lavoratori autonomi e quindi devo richiedere altri documenti secondo l’Allegato XVII?.

 

RISPOSTA: In tutti i casi, vige l’obbligo a carico del committente o del responsabile dei lavori della verifica dell’idoneità tecnico professionale delle imprese affidatarie, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi con le modalità previste dall’allegato XVII del D.lgs. 81/08.

Nel caso prospettato, le imprese familiari e le imprese snc sono imprese il cui datore di lavoro nel rispetto degli obblighi previsti dall’ art. 96 c. 1 lett. g) deve redigere il POS. La verifica dell’idoneità tecnico professionale di tali imprese deve essere effettuata secondo i contenuti del punto 1 dell’allegato XVII, con l’eccezione del DVR per le imprese familiari.

(FONTE: REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA TUTELA DELLA SALUTE E SANITA’ GRUPPO DI LAVORO INFO.SICURI)

Potrebbero interessarti anche:

INTERPELLO: COMUNICAZIONE DI FINE DEI LAVORI?

INTERPELLO: PRESENZA ED AGGIORNAMENTO DIAGRAMMI DI GANTT E CRONOPROGRAMMA

INTERPELLO: IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE ED IMPRESA INSTALLATRICE

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: INTERPELLO IDONEITA' TP REGIONE PIEMONTE IDONEITA' TECNICO PROFESSIONALE