post

CANTIERE > LAVORI IN ALTEZZA

INAIL – linee guida lavori in quota su strutture a traliccio.

02 September 16

Segnaliamo la pubblicazione edita da INAIL (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale – Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti ed insediamenti antropici) “INDIRIZZI OPERATIVI PER LA REDAZIONE DI SPECIFICHE PROCEDURE PER LA SCALATA, L’ACCESSO, LO SPOSTAMENTO, IL POSIZIONAMENTO, NONCHÉ PER IL RECUPERO DEL LAVORATORE NON PIÙ AUTOSUFFICIENTE: PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL’ALTO NELLE ATTIVITÀ NON CONFIGURABILI COME LAVORI SOTTO TENSIONE SU ELETTRODOTTI AEREI.”

Le linee di indirizzo, il cui utilizzo ha natura volontaria, mantenendo gli obblighi di Legge previsti dal D.Lgs, 81/2008, illustrano gli elementi da valutare per poter sviluppare dettagliate procedure aziendali per le operatività inerenti la discesa,la salita e lo stazionamento operativo su strutture a traliccio, compresa ogni valutazione per il recupero di operatore colpito da evento infortunistico.

Come indicato nella Pubblicazione, l’obiettivo è quello di fornire indicazioni per favorire l’uniformità di comportamento sull’intero territorio nazionale da parte di professionisti, gestori, imprese, manutentori e organi di vigilanza, ciascuno secondo le proprie competenze e responsabilità, al fine di prevenire il rischio di caduta dall’alto durante le attività lavorative in quota nell’ambito degli interventi per la costruzione, demolizione, esercizio e manutenzione delle linee elettriche aeree. Inoltre viene descritto un possibile metodo di calata al suolo dei lavoratori non più autosufficienti o impossibilitati a muoversi autonomamente.

Il documento si riferisce ad attività non configurabili come lavori sotto tensione (in base alla definizione contenuta nelle norme EN 50110-1 e CEI 11-27) ed in ogni caso esso non prende in considerazione le misure di prevenzione e protezione contro il rischio elettrico.

Da questa analisi il documento estrapola altresì i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) necessari e le attrezzature di lavoro più consone.

Il testo integrale è disponibile collegandosi a:

 

INAIL - INDIRIZZI OPERATIVI PER LA REDAZIONE DI SPECIFICHE PROCEDURE PER LA SCALATA, L’ACCESSO, LO SPOSTAMENTO, IL POSIZIONAMENTO, NONCHÉ PER IL RECUPERO DEL LAVORATORE NON PIÙ AUTOSUFFICIENTE: PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL’ALTO NELLE ATTIVITÀ NO

 

 

Potrebbero interessarti anche:

LA SINDROME DA SOSPENSIONE INERTE

 

GRANZIA E DURATA MINIMA DELLE LINEE VITA

 

LAVORI IN ALTEZZA

 

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: INAIL LAVORI IN QUOTA STRUTTURE A TRALICCIO LAVORI