ADDETTI AI LAVORI > COORDINATORE PER LA SICUREZZA

IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO: “A CHI TOCCA” LA SICUREZZA DEL CANTIERE?

06 May 15

Nell’articolo “Lavoratore Autonomo o Impresa Familiare? abbiamo affrontato la tematica della corretta definizione ed inquadramento delle due tipologie richiamate, che spesso sono oggetto di equivoci. Proseguiamo oggi con un’interessante vademecum "IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : “A CHI TOCCA” LA SICUREZZA DEL CANTIERE?" edito da ANCE Reggio Emilia, Provincia di Reggio Emilia, S.S.R. Emilia Romagna e gli Ordini e Collegi Professionali RE, al fine di poter dar modo al Committente di identificare correttamente il Lavoratore Autonomo e l’Impresa, con i relativi obblighi e adempimenti.

Il percorso virtuale parte dall’identificazione del modus in cui è stato sottoscritto il contratto direttamente o meno con il Committente, dividendo il percorso tra impresa affidataria ed esecutore per passare poi alla definizione della tipologia:

IMPRESA AFFIDATARIA

Società consortile

Società cooperativa

Società commerciale

Consorzio tra cooperative

Consorzio tra Imprese

Raggruppamenti temporanei

(ex A.T.I.)

Consorzio Lavoratori Autonomi

Impresa Individuale

(con dipendenti)

Impresa familiare

 

IMPRESA ESECUTRICE

Società consortile

Società cooperativa

Società commerciale

Consorzio tra cooperative

Consorzio tra Imprese

Raggruppamenti temporanei (ex A.T.I.)

Consorzio Lavoratori Autonomi

Impresa Individuale (con dipendenti)

Impresa familiare

Formule aggregative di lavorat. autonomi

Lavoratore Autonomo

 

Per ciascuna delle casistiche sopra richiamate, è poi disponibile una tabella riepilogativa inerente i principali obblighi sul cantiere:

-Valutare tutti i rischi

-Designare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

-Nominare il Medico competente (in base a valutazione rischi)

-Designare addetti prevenzione incendi/lotta antincendio, evacuazione, salvataggio, primo soccorso, gestione dell'emergenza

-Consegnare Dispositivi di Protezione Individuale

-Informare e formare

-Esporre tessera riconoscimento

-Utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni del Tit. III

-Munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al tit. III --Redigere Piano Operativo di Sicurezza

-Applicare “Misure generali di tutela” (art. 95)

-Applicare “Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti” (art. 96)

-Attuare quanto previsto nel PSC e nel POS.

Il vademecum ha continui richiami alla normativa vigente sia per quanto concerne il D.Lgs. 81 del 2008, sia per Pareri emessi dagli Organi competenti.

(Il documento è scaricabile nel download)

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

>contatta la redazione<

 

Potrebbero interessarti anche:

LAVORATORE AUTONOMO - IMPRESA FAMILIARE - IMPRESA ARTIGIANA, DALLA A ALLA Z.

L'IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE DEL LAVORATORE AUTONOMO (CON MODULISTICA).

RAPPORTO LAVORATIVO TRA CONIUGI (QUESITO MINISTERO DEL LAVORO ANNO 2015).

 

La nostra Biblioteca Tecnica:

La sicurezza in cantiere: Il coordinatore e il lavoro nero (enewsPRO Vol. 1)

Ondate di calore e cantiere (enewsPRO Vol. 2)

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: CANTIERE SICUREZZA IMPRESA LAVORATORE AUTONOMO VADEMECUM COMMITTENTE