post

RISCHI > RISCHIO INTERFERENZE

Gru e cantiere – L’azione del vento e le corrette valutazioni del Coordinatore Sicurezza.

29 November 16

L’installazione e operatività di gru all’interno del cantiere può essere fortemente condizionata dal vento; la velocità di questo agente atmosferico è stata tradotta a livello tabellare da Francis Beaufort nel 1806 con una specifica Scala che evidenziamo sotto.

 

FORZA DEL VENTO

VELOCITA’ DEL VENTO

EFFETTO DEL VENTO IN ZONA INTERNA

Grado Beaufort

Denominazione

m/s

Km/h

0

Calma

0 – 0,2

1

Calma, il fumo sale diretto in alto

1

Leggero o bava di vento

0,3 – 1,5

Da 1 a 5

Direzione del vento indicata dal movimento del fumo

2

Venticello leggero o brezza leggera

1.6 – 3,3

Da 6 a 11

Direzione del vento indicata dal movimento del fumo

3

Brezza debole/tesa

3,4 – 5,4

Da 12 a 19

Il vento muove rami sottili e solleva bandierine

4

Vento moderato

5,5 – 7,9

Da 20 a 28

Il vento solleva la polvere e la carta libera muove rami e aste fini

5

Vento teso

8,8 – 10,7

Da 29 a 38

Il vento muove arbusti con foglie e si formano piccole onde nelle acque interne

6

Vento fresco

10,8 – 13,8

Da 39 a 49

Il vento muove grossi rami, difficoltà ad usare l’ombrello

7

Vento forte

13,9 – 17,1

da 50 a 61

Difficoltà a camminare contro vento, alberi agitati.

8

Burrasca

17,2 – 20,7

Da 62 a 74

Il vento strappa ramoscelli dagli alberi, impossibile camminare contro vento

9

Burrasca forte

20,8 – 24,4

Da 75 a 88

Piccoli danni alle case butta giù coperchi di camini

10

Tempesta

24,5 – 28,4

Da 89 a 102

Alberi sradicati – danni notevoli alle case

11

Tempesta violenta

28,5 – 32,6

Da 103 a 117

Consistenti danni alle strutture

12

Uragano

32,7 o sup.

118 o sup.

Danni ingenti ed estesi alle strutture

 

I valori che caratterizzano la Scala di Beaufort sono però relativi all’intensità del vento percepita ed ha un diretto rapporto con la velocità del vento rilevata. La velocità di una singola raffica di vento è il valore medio della velocità del vento, misurata in un intervallo di tempo di tre secondi - la velocità di una raffica di vento è superiore alla velocità media del vento (misurata in un intervallo di tempo di 10 minuti) così come definita dalla norma EN 13000.

 

La velocità del vento è fortemente influenzata dall’orografia terrestre e dalla rugosità del suolo; maggiore è il valore di quest’ultima e minore sarà l’intensità del vento e viene misurata in classi:

 

CLASSE DI RUGOSITA’

TIPI DI SUPERFICI

0

Distese d’acqua

0,5

Terreno aperto – superficie liscia

1

Terreno aperto senza siepi e recinti, colline dolci e presenza edifici disseminati lontani tra loro

1,5

Terreno con alcuni ostacoli (case e siepi) con altezza di 8 mt. e distanza di 1 km.

2

Terreno con alcuni ostacoli (case e siepi) con altezza di 8 mt. e distanza di 500 metri.

2,5

Terreno con alcuni ostacoli (case e siepi) con altezza di 8 mt. e distanza di 250 mt.

3

Terreni con molte siepi o siepi alte, con boschi o rilievi irregolari, piccole città, paesi.

3,5

Grandi città con edifici alti

4

Grandi città con edifici molto alti

 

Attenzione però ad evitare di essere tratti in inganno dall’assenza o scarsa intensità del vento ove la classe di rugosità è più alta e quindi la velocità del vento ridotta; nel caso in cui si intervenga all’interno di città può generarsi il cosiddetto effetto ugello con il vento che acquista velocità transitando tra gli spazi liberi lasciati dagli edifici. In questo caso una valutazione della velocità a terra del vento scarsamente rilevante potrebbe non essere corrispondente per l’intera altezza in cui si va ad operare.

 

Fatta questa premessa sulle caratteristiche del vento vediamo come quest’ultimo sia un fattore da analizzare con la dovuta attenzione da parte del Coordinatore Sicurezza che deve porre attenzione in sede di progettazione verso questo aspetto ed i rischi che ne potrebbero conseguire per l’intera opera.

L’analisi delle caratteristiche ambientali dell’intera area circostante al futuro cantiere risulta basilare, proprio per gli specifici fattori indicati in premessa e l’intervento del vento potrebbe ridurre considerevolmente le distanze di sicurezza rispetto ad altre interferenze ambientali (es. reti elettriche aeree) e fisiche (edifici) sia nelle fasi di montaggio e smontaggio della gru, sia durante l’operatività della stessa.

Questo dovrà essere evidenziato all’interno del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) e dovranno essere indicate tutte le procedure atte alla riduzione di questo rischio.

Non è compito del Coordinatore procedere ad un’analisi sulle procedure di dettaglio per la riduzione del rischio individuato ma è compito del Coordinatore verificare che in base alle indicazioni fornite nel PSC, le stesse siano state tradotte ed analizzate all’interno dei Piani Operativi di Sicurezza dei soggetti coinvolti e che li stessi utilizzino mezzi idonei alla vigente normativa.

Ad esempio per le gru a torre la norma prevede il posizionamento di un anemometro fisso che consente al sistema di operare fin quando non si superano i valori impostati da fabbricante, o comunque che segnali all’operatore il valore della velocità del vento in modo costante al fine di procedere all’interruzione delle movimentazioni nel momento in cui la velocità superi quella indicata nel libretto del fabbricante della gru.

La vigente normativa esula dall’installazione dell’anemometro le gru automontanti con un’altezza sotto gancio inferiore a 30 m misurata con jib orizzontale ma se il Coordinatore Sicurezza valuta che l’area di installazione e lavoro della gru automontante sia comunque oggetto delle variabilità indicate in premessa (es. effetto ugello) è necessario che indichi comunque (all’interno del PSC) l’installazione di un anemometro sulla gru, che consenta all’operatore di verificare le condizioni ambientali in atto.

Concludendo dunque il Coordinatore Sicurezza deve procedere a:

* valutare lo stato dei luoghi in cui sarà allestita l’area di cantiere e ove lavoreranno i mezzi tra cui la gru;

* valutare l’incidenza del fattore vento rispetto allo stato dei luoghi riscontrato;

* valutare l’incidenza del fattore vento rispetto ad altre interferenze ambientali (es. linee elettrche aeree – edifici);

* evidenziare il rischio all’interno del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC);

* evidenziare l’eventuale necessità di sistemi di rilevamento da posizionarsi sulla gru all’interno del  Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC);

* dare ordine ai soggetti esecutori dell’installazione dell’anemometro nel momento in cui viene valutato un rischio ambientale aggiuntivo (es. effetto ugello) anche per quelle tipologie di gru che non sono assoggettate per normativa.

 

Potrebbero interessarti anche:

La fase esecutiva - gru e rischio interferenze.

 

Il ruolo del CSE e dell’Impresa Affidataria.

 

PSC semplificato - tutorial.

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

 

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

@CANTIEREPRO

Canale Telegram con le notizie del giorno.

 

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: GRU CANTIERE COORDINATORE VENTO PSC