ADDETTI AI LAVORI > COORDINATORE PER LA SICUREZZA

Fascicolo dell'Opera, obblighi normativi e buone prassi.

01 October 15

Il Fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera più comunemente noto come “Fascicolo dell’Opera” è il documento “contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, tenendo conto delle specifiche norme di buona tecnica e dell’allegato II al documento UE 26 maggio 1993” cosi come identificato all’art. 91 comma 1 lettera b del D.Lgs. 81/2008.

Il documento viene redatto dal Coordinatore per la Sicurezza in base alla nomina dello stesso, relativamente alle diverse casistiche previste dal D.Lgs. 81/2008 e si evidenzia come i Fascicolo dell’Opera non sia obbligatorio per opere di manutenzione ordinaria così come definite dalle vigenti normative urbanistiche nazionali e regionali in materia.

Il dettaglio della struttura del documento è evidenziato all’interno dell’ALLEGATO XVI del D.Lgs. 81/2008 dove già dall’introduzione viene sottolineato come ricada sul Committente dell’opera il compito di aggiornare e/o far aggiornare il documento in base a modifiche che la stessa potrà subire successivamente all’intervento e consegnarlo quindi ad eventuale soggetto terzo che dovesse entrare in possesso della Proprietà del bene.

E’ chiaro quindi che a prescindere dal dettato della normativa, il rispetto di una corretta filiera procedurale garantisce oltre ad una dovuta informazione anche l’ufficialità nel passaggio dei documenti, evitando eventuali future implicazioni nel caso di infortuni occorsi in interventi successivi nello stesso immobile.

In alcuni casi appare evidente come sia scarsamente percepita la rilevanza di tale documento e l’importanza che lo stesso sia stato sviluppato in modo approfondito, rispetto al Piano di Sicurezza e Coordinamento e i relativi altri adempimenti esecutivi, che vengono vissuti in modo molto più impellente, stante anche le dirette conseguenze di tipo sanzionatorio.

Il Fascicolo dell’Opera può essere paragonato ad una “Spada di Damocle” che ricade sulla testa del Tecnico fin quando il documento non sia stato integralmente aggiornato a seguito di ulteriore futuro intervento che per ovvie ragioni non potrà che accadere nel medio/lungo periodo.

Il Professionista deve quindi confrontarsi con il primo aspetto inerente la giusta informazione al Committente ed il corretto passaggio di documenti verso quest’ultimo.

La buona pratica rimane quindi quella di redigere il Fascicolo dell’Opera nella fase progettuale o esecutiva (in base alla nomina del Coordinatore) e sottoporlo all’attenzione della Committenza che provvederà a sottoscriverne copia per avvenuta ricezione, superando così un primo problema che potrebbe verificarsi a seguito di eventuale futuro infortunio riconducibile alla mancata consegna del documento al Committente.

Per quanto concerne Committenze di natura Pubblica, la procedura richiamata sopra è standardizzata tramite la vigente normativa sugli Appalti che prevede in sintesi la consegna del Fascicolo dell’Opera da parte del Coordinatore con tempistiche ben precise rispetto alle fasi di progetto/esecuzione del lavoro e lo stesso è collegato strettamente al Piano di Manutenzione (art. 38 DPR 207/2010) la cui analisi sarà trattata in successivo articolo.

Chiaramente la corretta informazione e consegna dei documenti al Committente non esonera il Coordinatore da ogni tipo di manchevolezza possa emergere dal Fascicolo dell’Opera, che sia causa di evento infortunistico.

E’ quindi basilare il rispetto di quanto indicato nell’Allegato XVI del D.Lgs. 81/2008 al fine di analizzare i possibili rischi connessi a future manutenzioni, indicando altresì le misure preventive e protettive ausiliarie o in dotazione all’opera.

Relativamente ai contenuti segnaliamo il documento FASCICOLO DELL’OPERA – INDICAZIONI PER LA REDAZIONE E L’UTILIZZO (disponibile nel download) edito da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Direzione Regionale della Sanità - Servizio per la Salute Pubblica e del Lavoro - Servizi di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro/Gruppo di Lavoro Regionale delle Aziende per i Servizi Sanitari ove viene analizzato in modo approfondito l’aspetto dell’analisi dei possibili rischi legati alle future manutenzioni (all’interno del documento edito nel 2009 sono riportate indicazioni sanzionatorie non aggiornate rispetto al vigente T.U. D.Lgs. 81/2008).

Potrebbero interessarti anche:

La nomina del Responsabile dei Lavori.

Documenti di cantiere.

Soggetti di cantiere - Definizione, Obblighi e Responsabilità.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: 81 COORDINATORE COMMITTENTE FASCICOLO DELL'OPERA SICUREZZA