ADDETTI AI LAVORI > COORDINATORE PER LA SICUREZZA

Eventi temporanei: preposti condivisi tra imprese e cooperative.

16 March 17

QUESITO

“Preposti Condivisi” tra imprese e cooperative - Ogni settore (Audio, Luci, Video, Tecnologie, Rigging, Crew) viene diretto e sovrainteso da un “Crew Chief/Crew Boss” o “Head Rigger” che coordina, anche ai fini della sicurezza, lavoratori di imprese diverse.

 

SVILUPPO

Particolarità del settore, dinamiche di cantiere e modalità operative comportano:

–Necessaria presenza di molte imprese esecutrici e lavoratori autonomi.

–Operazioni in cantiere altamente qualificate e suddivise per specifiche competenze professionali.

–Le imprese affidatarie della fornitura delle tecnologie spesso forniscono il materiale di scena e non hanno personale dipendente in cantiere.

–Catena degli appalti prevede massiccia presenza di cooperative e il diffuso ricorso al sub-appalto.

 

Le figure professionali di gestione, coordinamento e controllo durante le attività di allestimento tecnologico sono scelte nominativamente e spesso risultano liberi professionisti contrattualizzati dal committente o dalla impresa affidataria delle opere tecnologiche

 

SOLUZIONE

I compiti gestionali, organizzativi e direttivi esercitati dai “Crew Chief”, e da “Head Rigger” devono essere affidati loro dalla impresa Affidataria mediante apposita delega di funzione:

–Le attività di fatto delegate consistono nell’adempimento degli obblighi di cui all’art. 97 comma 1 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 Aprile 2008.

–Dovrà essere garantita adeguata formazione di tali figure dirigenziali come previsto dal Decreto Legislativo n. 81 del 9 Aprile 2008.

 

Le imprese di facchinaggio dovranno garantire in cantiere la presenza di almeno un preposto adeguatamente formato e formalmente nominato - Crew Boss:

–Gestirà le chiamate di facchini confrontandosi costantemente con i Crew Chief dei settori tecnologici (Audio, Video, Luci, Effetti) e la Produzione.

–Assegnerà ad ogni settore il personale più idoneo in termini di formazione e competenze.

 

Fonte: ATS Milano Città Metropolitana

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

 

Potrebbero interessarti anche:

 

DPI - sistemi di arresto caduta con retrattile UNI EN 360.

 

Regolamento UE 2016/425 – novità per i DPI.

 

La EN ISO 20471:2013 per gli indumenti ad alta visibilità.

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

 

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: EVENTI TEMPORANEI PREPOSTO CANTIERE IMPRESE DECRETO PALCHI