RISCHI > D.P.I.

D.P.I. - le Categorie e la consegna al lavoratore.

30 August 16

La consegna dei D.P.I. ai lavoratori rappresenta un obbligo di legge per il Datore di Lavoro, unitamente all’adeguata formazione del Lavoratore e coinvolge “indirettamente” anche il Professionista chiamato a svolgere il ruolo di Coordinatore per la Sicurezza, sia in fase progettuale che esecutiva dei lavori.

La verifica della presenza del report di avvenuta consegna dei DPI dal Datore di Lavoro ai Lavoratori stessa non è sufficiente a considerare un Piano Operativo di Sicurezza idoneo e conforme secondo i requisiti stabiliti dalla Normativa relativamente alle verifiche per i DPI.

Si può occorrere in situazioni dove all’interno del POS vengono individuati nell’analisi delle lavorazioni DPI che non trovano riscontro tra quelli forniti al singolo lavoratore, così come può verificarsi che all’interno delle fasi di lavoro non siano stati considerati i DPI obbligatori per Legge rispetto all’operatività ed ai rischi della lavorazione.

Oltre all’indicazione della fornitura del DPI nel modello di consegna il Datore di Lavoro deve fornire apposita formazione e quindi si può ritenere adempiuta la verifica solo quando:

- siano effettivamente presenti i report di consegna dei DPI ai Lavoratori (vedi allegato);

- i lavoratori siano stati adeguatamente formati come da normativa specifica;

- vi sia linearità tra i DPI indicati nella valutazione delle singole lavorazioni e quelli effettivamente in consegna ai Lavoratori.

Per definire meglio i D.P.I. e le categorie che li contraddistinguono, partiamo prima da tutte le casistiche che ai sensi dell’art. 74 comma 2 del D.Lgs. 81/2008, non costituiscono D.P.I.:

“a) gli indumenti di lavoro ordinari e le uniformi non specificamente destinati a proteggere la sicurezza e la salute del lavoratore;

b) le attrezzature dei servizi di soccorso e di salvataggio;

c) le attrezzature di protezione individuale delle forze armate, delle forze di polizia e del personale del servizio per il mantenimento dell'ordine pubblico;

d) le attrezzature di protezione individuale proprie dei mezzi di trasporto;

e) i materiali sportivi quando utilizzati a fini specificamente sportivi e non per attività lavorative;

f) i materiali per l'autodifesa o per la dissuasione;

g) gli apparecchi portatili per individuare e segnalare rischi e fattori nocivi.”

Quanto elencato sopra non costituisce D.P.I. e cioè non rientra nella definizione di “qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo” così come definito dall’art. 74 del medesimo D.Lgs.

La definizione delle diverse categorie dei D.P.I. ha origine con due direttive europee:

• direttiva europea 89/656 del 30/11/1989 recepita mediante il D.L. 626/1994 (uso dei D.P.I.);

• direttiva europea 89/686 del 29/12/1989 recepita mediante il D.L. 475/1992, (progettazione D.P.I.).

 

CATEGORIA

TIPOLOGIA

CERTIFICAZIONI

I CATEGORIA

DPI di progettazione semplice destinati a salvaguardare da rischi di danni fisici di lieve entità.

Dichiarazione conformità CE del costruttore.

III CATEGORIA

DPI di progettazione complessa destinati a salvaguardare da rischi di morte o di lesione gravi e di carattere permanente.

Dichiarazione conformità CE e attestato certificazione CE rilasciato dall’organo notificante. Sono altresì sottoposti a sistemi di controllo della produzione da Organo competente.

II CATEGORIA

I rimanenti DPI che non rientrano nelle precedenti

Dichiarazione conformità CE e attestato certificazione CE rilasciato dall’organo notificante.

 

Per una corretta valutazione dei fattori rilevanti per il corretto uso dei DPI un ruolo pertinente dovrebbe essere garantito dal Medico Competente nella scelta di questi ultimi; unitamente all’importanza del mantenimento delle caratteristiche originarie alla sostituzione del Dispositivo in caso di danneggiamento o comunque entro quando previsto dal Costruttore dello stesso.

Deve avvenire inoltre la corretta formazione che il Datore di Lavoro deve garantire al Lavoratore, diversificata come da Normativa in base alle categorie di cui sopra. Spesso si riscontrano in sede di prima verifica del POS: modulistiche di consegna dei DPI ai lavoratori firmate dal solo datore di lavoro, errate o incomplete nella forma e non datate.

In allegato è presente il file pdf relativo al “verbale di registrazione avvenuta consegna DPI”, che sarà inviato in formato “word” a tutti i nostri iscritti alla newsletter, strutturato come da normativa vigente, ove viene anche indicato il tipo di informazione/formazione svolta per ciascun DPI indicato.

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Potrebbero interessarti anche:

 

DPI - sistemi di arresto caduta con retrattile UNI EN 360.

 

Regolamento UE 2016/425 – novità per i DPI.

 

La EN ISO 20471:2013 per gli indumenti ad alta visibilità.

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

 

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: DPI LAVORATORE SICUREZZA DATORE DI LAVORO RSPP