post

CANTIERE > SPAZI CONFINATI

Classificazione ed misure di sicurezza OSHA degli spazi confinati.

01 July 15

La definizione degli spazi confinati è stata analizzata nella precedente pubblicazione:

DEFINIZIONE DI AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI (clicca e leggi)

In base alla OSHA 1910.146 gli ambienti confinati cono uno “Spazio abbastanza grande e configurato affinché un lavoratore possa accedervi interamente per eseguire il lavoro assegnato, ha limitati o ristretti accessi per l’entrata/uscita, non è progettato per un’attività continua”. Nel momento in cui lo spazio analizzato rientri nelle caratteristiche descritte sopra, lo stesso può essere classificato in tre categorie:

 

 

Classe A

Classe B

Classe C

Caratteristiche

Uno spazio confinato che presenta un alto e immediato rischio per la salute e la vita del lavoratore. Include la mancanza di ossigeno, presenza di atmosfere infiammabili o esplosive, alte concentrazioni di sostanze tossiche (IDHL – immediately dangerous to life or health)

Spazio confinato che può portare a situazioni di infortunio se non vengono adottate misure preventive, ma non è immediatamente pericoloso per la vita e la salute.

Spazio confinato in cui il rischio è trascurabile, non influisce sul normale svolgimento del lavoro e non è prevedibile un peggioramento.

Ossigeno

%O2 < 18 oppure  %O2 > 25

18 < %O2 < 25

20 < %O2 < 25

Esplodibilità

Uguale o supperiore al 20% del LIE

Dal 10% al 19% del LIE

Uguale o inferiore al 10% del LIE

Tossicità

>IDLH

Superiore o uguale al VLE (TLV) ma inferiore a IDLH

Inferiore al VLE (TLV)

Definizioni:

LIE (Limite Inferiore di Esplodibilità o di infiammabilità): minima concentrazione in aria di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori, polveri, fibre o residui solidi volanti, la quale, dopo l’accensione, permette l’autosostentamento della propagazione delle fiamme.

IDLH (Immediately Dangerous to Life or Health): alto e immediate pericolo per la salute e la vita in base alla definizione NIOSH: livello di concentrazione in presenza della quale un lavoratore sano ha un tempo Massimo di 30 minuti per allontanarsi dalla zona pericolosa.

VLE (Valore Limite di Esposizione professionale) (concentrazione media di sostanza misurata o calcolata su un periodo di otto ore), di cui esiste lista contenuta dlel’Allegato XXXVIII del D.Lgs. 81/2008. Per le sostanze non presenti in quest’ultimo è necessario riferirsi al TLV – ACGIH di significato simile al VLE.

Le misure di sicurezza da adottare in base alle classi sopra elencate sono:

 

Classe A

Classe B

Classe C

Comunicazione

La continua comunicazione con l’interno deve essere garantita da personale di sicurezza che stazioni all’esterno dello spazio confinato.

E’ necessario contatto visivo o uditivo con i lavoratori all’interno. Qualora il contatto diretto crei una situazione pericolosa per il personale esterno, la comunicazione può anche essere interdetta*.

Necessaria comunicazione con i lavoratori all’interno.

DPI per gli addetti al salvataggio

Gli addetti al salvataggio devono avere adeguate e complete protezioni individuali per la respirazione e/o il rischio esplosione.

Gli addetti al salvataggio devono avere adeguate e complete protezioni individuali per la respirazione e/o il rischio esplosione.

Normalmente non è necessario che gli addetti al salvataggio abbiano adeguate e complete protezioni individuali per la respirazione e/o il rischio esplosione.

Autorizzazioni

X

X

X

Controllo preliminare dell’atmosfera (con annotazione dell’esito)

X

X

X

Controllo continuo dell’atmosfera

X

X

O

Formazione ed addestramento del personale

X

X

X

Cartellonistica di rischio (compresa indicazione delle sostanze presenti)

X

X

X

Redazione della procedura di lavoro

X

X

X

Redazione della procedura di salvataggio

X

X

X

Intercettazioni (chiusura tubazioni, lucchettaggio, avvisi scritti)

X

X

X

Ventilazione di bonifica

X

X

O

Predisposizione di equipaggiamenti speciali

X

X

O

Presenza di personale esterno di sorveglianza-allertamento

X

X

X

Vestiti e DPI antistatici quando necessario

X

X

O

DPI specifici (resppiratore/mascherina, imbragatura e sistema di recupero

X

X

O

Attrezzature di salvataggio.

X

X

X

*COMUNICAZIONE DIRETTA: realizzata con personale esterno che vede e/o parla con i lavoratori all’interno affacciandosi all’entrata del luogo confinato.

COMUNICAZIONE INDIRETTA: realizzata per via strumentale (es. interfono, telecamera, ecc)

 

LEGENDA:

X = sempre obbligatorio;

O = non obbligatorio ma soggetto a valutazione del personale qualificato.

Potrebbero interessarti anche:

AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO O CONFINATI - DEFINIZIONI

DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO UNI 795 TIPO B PORTATILI - APPROFONDIMENTO

IMBRACATURA UNI 361 - APPROFONDIMENTO

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: OSHA CLASSE DPI AMBIENTI CONFINATI SPAZI CONFINATI