ADDETTI AI LAVORI > GIURISPRUDENZA

Cassazione e datore di lavoro: infortunio mortale durante la movimentazione dei carichi (ed occultamento di cadavere).

29 November 17

Analizziamo la sentenza n. 52534/2017 della Sezione IV della Corte di Cassazione, sia nel merito, sia per sottolineare come nel frangente legato all’infortunio mortale, sia evidenziato l’occultamento del cadavere dell’operaio deceduto durante operazioni di spostamento di materiali all’interno del cantiere.

L’utilizzo di macchinari conformi allo scopo della lavorazione e il rispetto dei limiti imposti dal libretto d’uso di questi ultimi, uniti alla formazione necessaria per i lavoratori, sono al centro di questa nuova sentenza.

 

IL FATTO

A seguito di un infortunio mortale avvenuto all’interno di un cantiere durante le fasi di movimentazione dei materiali il Tribunale di Salerno e successivamente la Corte di Appello di Salerno dichiaravano colpevole il datore di lavoro. L’infortunio si originava da un utilizzo scorretto del sollevatore (che è risultato essere in buono stato d’uso) da parte del datore di lavoro che non provvedeva ad assicurare il carico prima della movimentazione e posizionava lo stesso ad un’altezza superiore rispetto a quella prevista dal manuale d’uso della macchina; inoltre il mezzo utilizzato non era idoneo allo spostamento di quella tipologia di materiale e la lavorazione non era stata analizzata all’interno della valutazione rischi aziendale (DVR).

Pur con la consapevolezza che lo stesso datore di lavoro aveva anche occultato il cadavere del operaio trasportandolo in altra località e senza mettere in discussione le circostanze della morte e l’avvenuto occultamento del cadavere dell’operaio, lo stesso datore di lavoro ricorre comunque in Cassazione adducendo i seguenti motivi tecnici:

*è presente un vizio di motivazione tra le risultanze documentali/testimoniali e la condotta dello stesso datore di lavoro, nella considerazione che “la prova della responsabilità del ricorrente è stata desunta dalle dichiarazioni contraddittorie rese da due informatori …. nell'immediatezza del fatto” (cit.);

*l’accertamento da parte degli Organi Ispettivi evidenziava nei confronti del datore di lavoro solo l’assenza di un’adeguata formazione linguistica per gli operatori e l’assenza del box spogliatoio nel cantiere.

 

DIRITTO

La Cassazione analizzando i punti di ricorso presentati dal datore di lavoro evidenzia come entrambi siano inammissibili; il lungo elenco delle testimonianze, dichiarazioni ed alcune successive ritrattazioni inverosimili oltre ad un’intercettazione telefonica, evidenziavano come alla guida del mezzo vi fosse proprio il datore di lavoro.

Quest’ultimo, a prescindere comunque dal fatto che stava manovrando o meno il mezzo di trasporto avrebbe dovuto approntare le misure antinfortunistiche prescritte (cit.); il carico non era imbracato come dalle emerse testimonianze, trasportato almeno a mt. 2 di altezza e non era stato contestato nei precedenti gradi di giudizio come l’imputato avesse la qualifica di amministratore unico dell’Impresa.

La Cassazione sottolinea il giusto operato della Corte d’Appello che ha evidenziato i profili di colpa ascrivibili al datore di lavoro:

-inadeguatezza del documento di valutazione dei rischi (DVR);

-omissione di misure per la mitigazione dei rischi.

Per tali motivi il ricorso presentato è stato rigettato.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

>contatta la redazione<

 

Potrebbero interessarti anche:

Misure di prevenzione e protezione per i lavori in quota su coperture.

Guida Inail su ponteggi metallici fissi.

Ponti su ruote a torre o trabattelli – la normativa di riferimento.

 

BIBLIOTECA TECNICA

Formato cartaceo:

La gestione del cantiere: Impresa affidataria, lavoratore autonomo, lavoro nero.

 

Ebook:

La sicurezza in cantiere: Il coordinatore e il lavoro nero

Ondate di calore e cantiere

IMPRESA AFFIDATARIA: analisi, obblighi, idoneità tecnico professionale

Lavoratore autonomo e i familiari

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: CASSAZIONE DATORE DI LAVORO SENTENZA MOVIMENTAZIONE OCCULTAMENTO DI CADAVERE DVR