ADDETTI AI LAVORI > GIURISPRUDENZA

Cassazione – La responsabilità del committente e la nomina del responsabile dei lavori

20 April 15

A carico del committente e del responsabile dei lavori sussistono obblighi di verifica  sull’adempimento da parte dei coordinatori dei necessari controlli in ordine al rispetto di quanto previsto nel piano di sicurezza e di coordinamento e delle procedure di lavoro e se manca la nomina del responsabile dei lavori, atto che richiede la forma scritta, tali responsabilità sono ascrivibili unicamente in capo al committente.

Questa in sintesi la posizione della Corte di Cassazione che si è trovata ad esaminare il ricorso presentato dall’amministratore unico di un’ impresa committente alcuni lavori di rifacimento di una copertura, condannato per aver colposamente cagionato numerose lesioni occorse ad un lavoratore caduto dall’altezza di 8 metri, essendo stata rilevata carenza nelle misure a tutela dell'integrità fisica dei lavoratori e la mancanza della verifica dell’adempimento del piano di sicurezza e coordinamento , dell’idoneità del POS e dell’idoneità tecnico-professionale dell’impresa esecutrice e dei lavoratori impiegati da questa.

Tra i vari motivi di ricorso, il committente chiedeva l’annullamento della sentenza di condanna deducendo la violazione di legge in relazione agli artt. 16, 89 lett. e, 93 d.lvo 81/2008, avendo egli stesso delegato, non per iscritto non essendo tale forma a suo giudizio necessaria, un geometra (assolto fin dal primo grado) a seguire i lavori in qualità di responsabile dei lavori e al quale chiedeva quindi fossero ascritte tutte le responsabilità .

Secondo la Corte Suprema, in mancanza di qualsiasi atto formale di nomina e della delega a responsabile dei lavori, il suddetto geometra, avendo di fatto eseguito le normali funzioni di un tecnico incaricato, era stato correttamente assolto.

I Giudici di legittimità hanno pertanto confermato la sentenza di condanna nei confronti del committente rilevando come l’art. 93 T.U. 81/2008 esonera il committente “limitatamente all’incarico conferito al responsabile dei lavori” che, nel caso di specie, si presentava come insufficiente mancando qualsiasi specificazione delle competenze affidategli.  

Potrebbero interessarti anche:

CASSAZIONE PENALE - INFORTUNIO MORTALE PER CROLLO E RESPONSABILITÀ
DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA.



CASSAZIONE - OBBLIGO DEL DATORE DI LAVORO DI PREDISPORRE IMPALCATURE
E PONTEGGI MOBILI E COMPORTAMENTO ANOMALO DEL LAVORATORE.



CASSAZIONE PENALE: PREVISIONE DEL RISCHIO DI INVESTIMENTO NEL POS E
PSC DURANTE CANTIERE STRADALE.

 

F.to Redazione Tecnica

©RIPRODUZIONE VIETATA PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE

 

Tieniti sempre aggiornato anche tramite:

NEWSLETTER SETTIMANALE

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: CASSAZIONE INTERPELLO SENTENZA SICUREZZA CANTIERE GIURISPRUDENZA COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI