RISCHI > IMPIANTO ELETTRICO E AFFINI

Adempimenti per impianto elettrico di cantiere.

03 June 15

Abbiamo trattato l’argomento dell’impianto elettrico di cantiere durante l’incontro a tema svoltosi durante il calendario di eventi EXHIBIT cantieripro 2014, in cui il P.I. Orazio D’Alì ha sviluppato ogni aspetto inerente l’operatività, la progettualità e le certificazioni necessarie, il tutto visibile all’interno del link sotto riportato:

L'impianto elettrico di cantiere - atti convegno EXHIBIT (Siena) dicembre 2014.

Riprendiamo oggi il tema, proponendo una descrizione specifica sulla documentazione che deve essere prodotta per quanto concerne il tema dell’impianto elettrico, la messa a terra e la parte relativa alle scariche atmosferiche.

Iniziamo l’analisi partendo dall’impianto elettrico di cantiere nei casi in cui lo stesso sia alimentato da fornitura diretta da impianto della Committenza e/o da fornitura temporanea direttamente richiesta all’ente gestore.

La realizzazione dell’impianto elettrico e relativa messa a terra, deve essere eseguita da installatore qualificato ai sensi del Decreto del ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 “Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici” – LETTERA A “impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere” (il testo integrale del Decreto 37/2008 è scaricabile nel download).

Lo stesso installatore produce la Dichiarazione di Conformità (prima che l’impianto sia utilizzato) destinata a:

-il proprietario dell’impianto elettrico di cantiere;

-sportello unico delle attività produttive del competente Comune.

Per il caso in cui l’impianto sia collegato ad una rete di distribuzione “privata”, il Datore di Lavoro deve provvedere anche a recuperare la dichiarazione di conformità dell’impianto “sorgente”.

Ai fini di un controllo documentale, la dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico di cantiere deve essere corredata dallo schema dell’impianto con indicazione dei materiali ed abilitazione all’installazione rilasciata dalla Camera di Commercio competente per la sede dell’installatore.

Il modello di trasmissione di conformità dell’impianto deve essere inviato dal Datore di Lavoro entro 30 giorni dalla messa in esercizio dell’impianto, con le procedure previste in base alla Provincia in cui si eseguono i lavori.

Una volta eseguita l’installazione, la certificazione e l’invio agli Enti competenti della documentazione necessaria e prevista dalla normativa, la vita dell’impianto deve essere comunque garantita e verificata; possono infatti intercorrere per esempio fenomeni di usura o di inattività dello stesso superiore ai sei mesi, comportando l’obbligo del Datore di Lavoro di provvedere a controlli specifici, siano essi periodici e straordinari.

Questi ultimi si necessitano appunto a seguito di un eventuale inutilizzo dell’impianto che si protrae oltre i sei mesi, o comunque nei casi in cui avvengano eventi fuori dalla normale ordinarietà, tali da necessitare appunto un controllo straordinario del sistema.

Le verifiche ordinarie sono regolamentate dai fabbricanti della componentistica o comunque dalle norme di buona pratica.

Entrambi sono a carico del Datore di Lavoro e devono essere portati all’attenzione del Proprietario e/o dell’utilizzatore dell’impianto.

Di quanto sopra deve essere tenuta nota in un apposito REGISTRO DI CONTROLLO sempre presente nella documentazione di cantiere.

A prescindere dalle competenze dirette sopra richiamate, in capo al Datore di Lavoro/Istallatore qualificato, è compito del Coordinatore per la Sicurezza verificare che le risultanze richiamate siano in evidenza tra a documentazione di cantiere.

A tal fine nel download è scaricabile una checklist  utile sia per il Datore di Lavoro che per il Professionista incaricato quale Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione.

Potrebbero interessarti anche:

IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE

IMPIANTI DI CANTIERE-DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' E MESSA IN ESERCIZIO

SPETTACOLI ED EVENTI TEMPORANEI - IMPIANTO ELETTRICO

(RIPRODUZIONE VIETATA A FINI COMMERCIALI DIRETTI O INDIRETTI PREVIA AUTORIZZAZIONE DELLA REDAZIONE - E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE A FINI INFORMATIVI CON OBBLIGO DI COLLEGAMENTO ALL'ARTICOLO E CITAZIONE DELLA FONTE)

Note redazionali: si prega di visionare la data di pubblicazione dell’articolo, le eventuali norme richiamate potrebbero essere superate.

 

STAMPA ARTICOLO

ARGOMENTI: 81 IMPIANTO ELETTRICO DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' DATORE DI LAVORO SICUREZZA